Il PLI ha organizzato a Roma alcuni gazebo in vista dell’11 gennaio, quando è prevista l’udienza dinanzi alla Corte Costituzione per difendere l’ammissibilità dei quesiti referendari per l’abrogazione dell’attuale legge elettorale (la cosiddetta Legge Porcellum), dopo che la Corte Suprema di Cassazione – proprio un mese fa – ha ritenuto valide le firme raccolte in soli due mesi nella tarda estate.

Tra i primi promotori del Referendum, il PLI intende tenere viva l’attenzione sulla richiesta popolare, testimoniata da più di 1.210.000 firme (molto più del doppio delle necessarie 500mila), che stanno a confermare quanto gli elettori siano convinti oppositori dell’attuale legge elettorale “antidemocratica ed incostituzionale – ha dichiarato Roberto Amiconi, Responsabile organizzativo nazionale e Segretario Provinciale di Roma del PLI –  e per questo abbiamo allestito a Roma domenica 8, lunedì 9 e martedì 10 gennaio una serie di punti di incontro per tornare a far sentire la voce dei cittadini che hanno il diritto di poter scegliere liberamente i propri rappresentanti”.

Le postazioni del PLI dalle 10:00 alle 19:00 in Piazza del Popolo, Largo dei Lombardi (Via del Corso), Largo di Torre Argentina, Piazza della Chiesa Nuova e dalle 20:00 alle 23:00 in Piazza Trilussa.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI