“Vorrei fare alcune considerazioni spicciole di politica estera. Diciamo che voglio affrontare l’argomento dal punto di vista di Alvaro er Tritatutto, emerito scaricatore dei mercati generali, quindi uomo che poco ha viaggiato e ancora meno studiato. Alvaro si chiede, scuotendo il capino: ma, che ci andiamo a fare in Afghanistan? Perché mandiamo i nostri soldati a girare il seguito di Rambo 3 in un Paese dove gli occidentali son visti come un anno di siccità, dove spesso i famosi cooperanti (ma cosa si cooperano?) sono agenti segreti che ancora usano le parole d’ordine e i codici? Messaggio  tipo: La pecora si è innamorata e la da a tutti; traduzione per i non esperti: la Russia non è affidabile, oppure usando la famosa locuzione  Birra e salsiccia che alla musulmana diventa tè e kebab.

Insomma, adesso qualche saputone dirà che è dovere degli stati evoluti aiutare chi è in difficoltà. Bene allora andiamo prima in Calabria che ne hanno tanto bisogno. Aspetto anche qualche vocina che suggerisca che forse è questione di dollaroni. Ma và? Bene, noi cittadini semplici, militanti nella brigata dei tartassati, profondamente invidiosi dei redditi dei nostri governanti, chiediamo in coro: Andiamocene! Mandiamo i cari parà in Aspromonte, smettiamo di aspettare bare ricoperte di tricolore all’aeroporto!

Siamo tutti in pericolo? L’Iran getta l’ancora nel canale di Suez per un improvvisata pesca in rada? Ma se noi questa gente la ignoriamo, lasciamo loro fare la loro vita senza sindacare i loro discutibili usi e costumi, non è che poi magari ci ignorano? Certo un ragionamento così agli Americani potrebbe far storcere la Winchester e anche la Colt. D’altra parte, loro hanno l’esercito più importante del mondo come li riciclano tutti quei superman? Ora poi qualche pazzerellone ha ben pensato di bruciare qualche copia del Corano a Kabul! Che dire, muscoli tanti, cervello zero!

Mi rendo conto che l’analisi è semplice. Ma forse le persone normali, quelle che subiscono e non capiscono, forse si son stancate. E forse questi Americani dovrebbero fare un bagno di umiltà, rendersi conto che John Wayne è morto da tanto, che il cappellino di David Crockett è pieno di tarli e che le nostre riserve auree, i famosi gioielli di famiglia, son da un pezzo al Monte di Pietà!”

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI