Inizia oggi a Roma e proseguirà sino a domenica il XXVIII Congresso Nazionale del Partito Liberale Italiano (VI dalla ricostituzione) il cui slogan è La mia storia, il mio futuro, la mia libertà.

In occasione dell’inizio dei lavori, il Segretario Nazionale del PLI Stefano de Luca rivolge un messaggio di benvenuto ai Delegati al Congresso che riportiamo di seguito.

“Cari Amici liberali, oggi si apre il nostro XXVIII Congresso Nazionale (6° dalla ricostituzione). Desidero dare a tutti un benvenuto. Mi auguro che, nonostante alcune turbolenze dell’ultima fase, possa essere una buona occasione per rendere visibile il Partito, confrontare i nostri punti di vista sul complesso futuro che ci sta davanti, trovare in comune il modo per ottenere maggiore incidenza nella realtà italiana per i principi e le idee liberali in una società in rapido cambiamento, ma smarrita per l’assenza o la scarsa attendibilità della politica, almeno quella dei maggiori partiti rappresentati in parlamento.

Penso che il PLI, oggi, abbia prioritariamente la funzione di punto di riferimento per un Paese travolto dagli scandali, appesantito dalla crisi, disperato per il default delle piccole e medie imprese, per la drammatica disoccupazione dei giovani ed ora, sempre in numero maggiore, dei cinquantenni, che vanno perdendo il lavoro.

La riforma in tale ultimo campo, cui si appresta lodevolmente e con pazienza il Governo, è sicuramente necessaria, ma senza una drastica riduzione degli sprechi di una spesa pubblica clientelare e dissennata, non sarà possibile trovare le risorse indispensabili per riaprire realmente il marcato del lavoro. Esso ha bisogno, non soltanto dei mezzi necessari a sostenere la disoccupazione, ma principalmente di quelli per favorire le nuove assunzioni e la ripresa delle aziende in difficoltà, attraverso la riduzione del cuneo fiscale, l’abbattimento degli oneri sociali, particolarmente nel Mezzogiorno, nonché degli investimenti in infrastrutture indispensabili.

L’isolamento della CGIL e di tutto quel mondo che ancora è rimasto legato ad un anacronistico passato, che non ha più senso, dopo la scomparsa della antica distinzione in classi sociali e con la moderna identificazione degli interessi reali degli imprenditori, principalmente piccoli e medi, con quelli di coloro che lavorano presso le loro imprese, fa giustizia di quanto da anni sosteniamo inascoltati. Tuttavia, senza ulteriori liberalizzazioni, quelle che contano; senza privatizzazioni, per far cassa e moralizzare, vendendo i carrozzoni di Stato e molti inutili beni pubblici; senza ulteriore sburocratizzazione ed eliminazione delle insuperabili barriere della bizantina architettura amministrativa, principale fonte della corruzione, non si potrà compiere la necessaria svolta per la modernizzazione del Paese.

I liberali devono mettere a disposizione il loro patrimonio di cultura politica, di coerenza, di onestà, per costruire la auspicata Costituente liberale per l’Italia del futuro, di matrice laica, liberale, democratica e riformatrice, che deve rappresentare la più importante missione del nostro Congresso, nell’interesse di un Paese che amiamo e che ha bisogno finalmente di realizzare, dopo centocinquant’anni dall’Unità geografica, finalmente anche quella della Nazione.”

.

La tre giorni di lavori si terrà presso l’Hotel Eurostar Roma Aeterna (Via Casilina, 125) con il seguente programma:

.

Venerdì 23 marzo

ore 11:00 – Registrazione dei Congressisti

ore 12:00 – Apertura del Congresso – Costituzione degli Organi del Congresso (Ufficio di presidenza e Commissione verifica poteri)

ore 13:00 – Sospensione dei lavori

ore 16:00 – Relazione del Segretario Nazionale – Saluto degli ospiti – Inizio del dibattito politico

.

Sabato 24 marzo

ore 10:00 – Ripresa del dibattito politico

ore 13:30 – Sospensione (colazione di lavoro)

ore 15:00 – Prosecuzione del dibattito politico

ore 18:00 – Termine per la presentazione degli Ordini del giorno (eventuali deleghe al Consiglio nazionale)

.

Domenica 25 marzo

ore 10:00 – Replica del Segretario Nazionale

ore 12:00 – Dichiarazioni di voto

ore 12:30 – Votazioni – Proclamazione dei risultati e conclusione del Congresso

ore 14:00 – Prima seduta del nuovo Consiglio Nazionale

.

E’ intanto online il Dossier “XXVIII Congresso PLI che raccoglie interventi, articoli, note e commenti pubblicati sinora nell’ambito del dibattito precongressuale. 

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI