Parigi – Domani più di quaranta milioni di francesi si riverseranno nelle sedi adibite per votare il loro prescelto. Al primo turno François Hollande e Nicolas Sarkozy se la giocheranno sul filo di lana, con Mélenchon distaccato di una decina di punti in percentuale. Appaiati al 10% o poco più, Marine Le Pen e François Bayrou si limiteranno a presenziare, mentre Eva Joly e gli ecologisti, secondo gli ultimi sondaggi, lambiranno appena il tetto del 2%. Ce ne ha parlato su Libération Laure Bretton nel suo Hollande testa a testa con Sarkozy.

“Come previsto fin da ottobre, mese delle primarie socialiste, il testa a testa finale sarà tra il deputato di Corrèze François Hollande e il presidente uscente Nicolas Sarkozy. Nessuna sorpresa, quindi, al primo turno delle Presidenziali, dove i due contendenti otterranno quasi sicuramente un numero di preferenze pari al 27-28%, e dove si confermeranno o meno le ipotesi di un Mélanchon vicino al 20%. Dall’altro lato Marine Le Pen, domenica e lunedì, si giocherà il suo futuro politico, mentre François Bayrou, potrebbe riconfermare l’inconsistenza politica palesatasi durante le elezioni del 2007. Tuttavia, al secondo turno, gli elettori della leader del FN e del candidato del MoDem, saranno fondamentali per i risvolti della campagna, senza contare il 23% dei francesi che al primo turno si asterrà dal voto e che al secondo potrebbe invece schiodarsi per prendere parte”.

Tutto si deciderà il 5 maggio, ma se al primo turno la lotta tra i due massimi esponenti dei più grandi partiti di Francia sarà serrata, al secondo potrebbe esserci una vera débacle per l’attuale capo dello Stato, a causa delle recenti quanto inaspettate defezioni all’interno degli ambienti ‘filo-chiraquiani’ e del timore paventato dai tenori dell’UMP. Ultimo su tutti quello del fedelissimo primo ministro François Fillon, il quale in un ‘dietro le quinte’ ha esplicitamente esternato l’impossibilità di una rielezione di Sarkozy, per la crisi di un’Europa intera, che non lascia spazio ad alcuna velleità.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI