Parigi – Ultimi scontri, ultimi dibattiti, ultime frecciate, ultime provocazioni all’ombra della Tour Eiffel, prima di conoscere il nuovo inquilino dell’Eliseo. Domenica ha vinto l’euroscetticismo. Da una parte Hollande e il suo primo obiettivo, rivedere il fiscal compact, dall’altra Marine Le Pen e la sua ferma volontà di uscire dall’euro. Sarkozy, in cerca di voti moderati, è timidamente finito dietro Hollande, confermando le preoccupazioni palesate dai suoi fedelissimi Fillon e Copé, su una sua possibile rielezione. E intanto, ogni ipotesi di centrismo, cavalcata da Bayrou, è svanita in un misero 8%, così come lo ‘spirito rosso’ del rivoluzionario Mélenchon, che ha ottenuto poco più dell’11%. Ce ne ha parlato su Le Figaro, Charles Jaigu nel suo Sarkozy conta sugli elettori di Bayrou.

“In realtà, Nicolas Sarkozy non si aspetta nulla da François Bayrou, ma molto dai suoi elettori. «Abbiamo guardato la mappa del voto di Bayrou: i suoi elettori oggi corrispondono esattamente ai bastioni del centro-destra», dice un fedelissimo UMP. Tutti coloro che ruotano attorno al capo dello Stato francese, sono certi che Bayrou stia scommettendo su di lui. «Se vince Sarkozy, si unirà al governo in una posizione tale da permettergli di assumere la leadership di un centro-destra da ricomporre in termini di numeri. Se Sarkozy perde, avrà subito un posto di rilievo nella ricostruzione del centro-destra. Ma gli amici di Sarkozy non si fanno illusioni: «Lui potrebbe preferire un’orgogliosa solitudine», fino a diventare l’«Arlette Laguiller del centrismo», dice uno di loro”.

Ultima e delicatissima settimana per Monsieur Le Président, alla ricerca spasmodica di voti per tentare di compiere quella che attualmente appare una missione ardua e impervia. Vero è che il primo e il secondo turno sono due parentesi a sé, tuttavia per Sarkozy l’unica possibilità di essere confermato ‘numero uno’ francese è quella di convincere Marine Le Pen a schierarsi apertamente in suo favore, sperando allo stesso tempo nell’appoggio incondizionato di Bayrou. Route pour l’Elysée? Svoltare a destra, prego.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI