[Riceviamo dal Segretario regionale Emilia Romagna del Partito Liberale Italiano, Stefano Angeli, la segnalazione di questa iniziativa di accoglienza con la quale il PLI regionale mette a disposizione dei terremotati un ostello da 60 posti letto. NdR]

.

.

.

.

Il Partito Liberale Italiano dell’Emilia Romagna, per iniziativa del segretario provinciale di Modena Pietro Stefani, mette a disposizione dei terremotati l’ostello della gioventù di Frassinoro, con circa 60 posti letto. La struttura si trova sull’Appennino modenese ed è pronta ad accogliere gli sfollati. Per informazioni gli interessati o le autorità di protezione civile possono chiamare il num. di tel. 347 7662239 o mandare una email a stefani.pietro@tiscali.it . Con questa iniziativa il PLI vuole dimostrare solidarietà alle popolazioni colpite e fare un gesto concreto in favore di chi ha perso la casa, o l’ha al momento inagibile e desidera una sistemazione alternativa alla tendopoli.

Denominazione della struttura: “LE PERDELLE”; Indirizzo Via Chiesa s.n.c Fontanaluccia di Frassinoro (MO); Contatto telefonico Pietro Stefani cel.3477662239 (mail: stefani.pietro@tiscali.it). Composizione dell’ostello: una struttura in sasso già denominata Ospedale dei Partigiani della linea Gotica composta da 3 bagni, una cucina professionale per 40/50 persone, tre camere da letto con all’interno 12 posti letto. Cinque bungalow in struttura in legno (già in uso alla protezione civile) composta da bagno e due stanze con all’interno 6 posti letto per ogni bungalow. Un salone da pranzo per 100 posti. Altitudine 850 s.m. sull’Appennino modenese tra le provincie di Modena e Reggio Emilia e con distanza Km. 60 da Modena e altrettanti da Reggio Emilia. E’ una struttura con tutte le autorizzazione sanitarie ecc. ecc.. La gestione e dell’Associazione di Promozione Sociale “Un mondo diverso”.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. E BRAVISSIMO STEFANO ANGELI E IL PLI EMIILIANO. GIANCARLO COLOMBO CON UN ABBRACCIO AI LIBERALI EMILIANI E ROMAGNOLI

  2. Grazie, ma il merito non è mio, è del segretario provinciale di Modena Pietro Stefani.

Comments are closed.