.

Gent.mo direttore,

vorrei che anche sul Suo giornale possa aprirsi una discussione che veda come argomento centrale lo sviluppo industriale e la ecocompatibilità.

Taranto è il punto di partenza ma tanti sono gli esempi che vedono la salute contrapporsi al lavoro. In questi anni credo che vi sia stata una cultura industriale e della distribuzione disattenta alla sostenibilità del territorio.

Libertà di sviluppo, libertà di agire, libertà di scelta ma mai libertà di danneggiare la vita umana. Ciò non è previsto nella cultura liberale contrariamente a quanto sostenuto da alcuni in questi giorni.

Non so come finirà qui a Taranto, so però che qualcosa è iniziato. A Taranto non si guarda al passato ma si spera nel futuro, un futuro di benessere sociale ed ambientale.

Io spero che possa pubblicare queste mie brevi righe e che si abbia il coinvolgimento dei liberali ma anche di tutti coloro che credono in un sviluppo industriale sostenibile.

Franco Galeone (Commissario provinciale PLI-Taranto)

CONDIVIDI