«E ci risiamo. Ricomincia la campagna elettorale americana. Ma vi rendete conto che questi cowboy spendono cifre astronomiche per poi, una volta eletti, governare per al massimo due anni? Il primo anno lo impiegano per capire come funziona la macchina e per cambiare le tende della casa Bianca; il secondo e il terzo fanno i duri con il resto del mondo e poi si dedicano alla rielezione. Che fuffa, che stupidaggine.

E noi ci facciamo tenere per le palle da questo branco d’immigrati! Comunque, la campagna elettorale americana è divertente! Alcune frasi straordinarie di candidati son rimaste alla storia e, ancora di più, qualche bello scandalo sessuale. Una volta si veniva bruciati solo per qualche foto abbracciati a qualche bellona piena di unghie in bikini. Ora pare che queste cose non vadano più di moda. Gli americani nella loro ingenuità al marschmellow, apprezzano chi racconta pubblicamente i propri difetti come marito o padre. Assistiamo alla escalation di un mormone becero e coatto che forse non ha mai tradito la moglie ma che , speriamo, almeno abbia qualche altro scheletro magari fiscale nel grande armadio dl suo ranch.

E  mentre ci prepariamo al bombardamento mediatico che riempirà un sacco di salotti simil-intellettuali della nostra tivù, mi godo qualche bella notiziola: Bernie Eccleston, il padrone della Formula uno si è sposato con una fanciulla timorata di Dio di ben 46 anni più giovane. So per certo che la ragazza si è rivolta agli ingegneri della Ferrari per aver qualche aiutino idraulico, almeno per il viaggio di nozze. Che dire, sono commossa: il vero amore non conosce barriere!

Leggo notizie di casa nostra e, saltando a piè pari le solite dichiarazioni della banda bassotti di Arcore, leggo di una bimba a Milano, che è scappata di casa per andare dal suo amichetto. La creatura ha percorso ben due chilometri per ritrovare l’amato, dopo aver detto alla mamma che andava nel bagno. Questo inzoccolimento della popolazione femminile è preoccupante. A otto anni si dovrebbe giocare con i puffi non farsi sedurre da Gargamella! Come punire la bimbetta? Sicuramente la mamma sarà orgogliosa di raccontare l’episodio e tra un paio di anni la troveremo, cresciuta, a fare la tronista insieme a Tina. Io, genitrice lungimirante di origini calabre, le darei un paio di ceffoni e la chiuderei in camera costringendola ad ascoltare Gigi D’Alessio per ore. Sono sicura che non ripeterà il gesto.

Ma d’altra parte cosa aspettarsi in questo secolo di superficialità dove tutto è permesso e dove stupire è la parola d’ordine? Ci faranno rimpiangere di non essere Amish. Intanto io son diventata seguace del Discordianesimo. E mi sto applicando per fare proseliti.

Che il grande Caos sia con voi!»

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI