La settimana è iniziata con l’ultimo saluto al Caporal maggiore degli Alpini, Tiziano Chiaretti, 52esimo caduto in Afghanistan, presenti il Presidente Napolitano e il Senatore Monti..

Ed è anche il 28 ottobre, il novantesimo anniversario della marcia su Roma, che segnò l’inizio della dittatura fascista, complice casa reale che cedette il potere al duce per salvaguardare il reame. Poi 20 anni di dittatura, cancellati solo con moltissimi morti per antifascismo, con i tanti  esiliati a Ventotene e dalla successiva Resistenza al nazi-fascismo. 340 medaglie d’oro al Valor militare o della Resistenza, e tante altre decorazioni minori non possono essere infangate da una lugubre manifestazione a Predappio, con marce, marcette, saluti e abbigliamenti fascisti e neo fascisti, e peggio, con dichiarazioni deliranti controla Costituzionecolpevole di avere proibito la ricostituzione del Pnf sotto qualsiasi forma.

La Ferrariha tenuto alta la bandiera italiana sul suo motore con un secondo posto da favola e in appoggio ai nostri Marò.

Per converso, liti di tutti i tipi per accelerare le elezioni, fissate per aprile 2013, e minacce al Governo in carica da parte dell’ex primo ministro. Altra brutta pagina, un largo e un viale dedicati all’ultimo re italiano e alla sua consorte Maria Josè nata principessa belga. Ma, mentre per Maria José c’è da tenera sempre viva la memoria per quanto fece (in combine con l’allora Monsignor Giovanni Battista Montini, braccio destro di Pio XII) per far tirare fuori l’Italia dalla disastrosa e tragica guerra fascista e l’aiuto al generale Castellano per preparare e firmare l’armistizio, i giudizi su Umberto II sono molto controversi a dir poco.

29 ottobre: il Presidente Monti si è recato a Madrid per un vertice bilaterale al riguardo dell’Europa con il suo omologo Rajoy e le dichiarazioni a fine vertice sono state una forte integrazione europea e la necessità di un euro forte. Tali affermazioni sono state riaffermate anche dal Presidente francese Hollande e questo è un bene per uscire tutti dalla crisi.

Le Commissioni congiunte Bilancio di Camera e Senato hanno avuto audizioni preliminari all’esame dei decreti di bilancio 2013-2015. Al Senatola CommissioneAffariCostituzionaliha continuato l’esame del ddl 3520, disposizioni di revisione della Costituzione e altre disposizioni di revisione in materia di autonomie regionali.La CommissioneIndustriaha ascoltato il Ministro del Turismo sul piano strategico del turismo. In Aula è continuato l’esame del ddl 3491 sulla diffamazione a mezzo stampa.

Alla Camera in aula è continuata la discussione generale del disegno di legge C4434-B, Disposizioni per la prevenzione e repressione della corruzione e illegalità nella P.A. più volte modificate nella Camera e nel Senato. E’ stata posta la fiducia da parte del Governo sul disegno di legge  anti corruzione. E la votazione è andata al 30 ottobre dalle ore 18.00. In serata il Senato ha  discusso la legge sulla diffamazione ddl 3491 maggioranza.

30 ottobre: il CdM ha deciso l’esame della ristrutturazione delle Province ed Enti locali. Al Senato è proseguita in Aula l’esame del ddl sulla diffamazione. Alla Camera il voto di fiducia sulla legge anti corruzione, con le ultime modifiche effettuate nei passaggi fra Camera e Senato: il voto è stato, malgrado il braccio di ferro sulle clausole di larga maggioranza, con 540 voti favorevoli.La Commissione Grandi Rischiha deciso di ritirare le dimissioni a seguito delle assicurazioni governative.

Strigliata del Presidente Napolitano alle forze parlamentari per la nuova legge elettorale e per il cumulo dei provvedimenti da approvare alla scadenza della legislatura. No del Senato in Aula al condono edilizio perla Campania.

31 ottobre: in Aula alla Camera il voto finale sul decreto legge anti corruzione con larga maggioranza. Al Senato con buona maggioranza è passato il decreto sulla Sanità, ddl 3543 con diverse modifiche, che riguardano i rapporti tra Asl e medici di base.

CdM riunito in mattinata su proseguimento accorpamento della Province e diminuzione Enti locali, ha ridotto le Province da 86 (107 sommando  anche quelle a statuto straordinario) a 51 e creazione di città metropolitane. Due anni di proroga per l’inizio dei lavori del Ponte sullo Stretto.

Modifiche sostanziali dopo l’accordo tra Governo e forze parlamentari: niente retroattività per detrazioni e deduzioni, no alla riduzione Irpef sulle  due aliquote per redditi bassi, l’Iva dal 10% rimane invariata, aumenti dell’Iva dal 21 al 22% a partire dal 2014, minori imposte sul lavoro dipendente per diminuire il cuneo fiscale. Il Governo ha recepitola Direttivaeuropea per i pagamenti della P.A. alle imprese entro un mese.

Alla Commissione Esteri della Camera audizione sul Consiglio europeo. Nel pomeriggio il Presidente Monti ha incontratola Commissione Finanzedel Bundestag, nell’ambito della riunione del Forum economico di Davos, per l’occasione convocato a Roma e poi il Primo Ministro della Romania.

Stato giuridico ed economico dei dipendenti di Camera e Senato, protocollo d’intesa, volta a realizzare l’omogeneizzazione dello stato giuridico ed economico dei dipendenti di futura assunzione con l’intesa di perseguire obiettivi di risparmio e razionalizzazione dell’uso delle risorse. Il Collegio dei revisori dei rendiconti dei partiti e movimenti politici per effetto della nuova legge 96 del2012 haconcluso le proprie attività.

1 novembre: Alla Commissione Bilancio della Camera sono stati presentati 1.600 emendamenti alla legge di stabilità.

2 novembre: alla Commissione Bilancio della Camera il Governo è andato sotto tre volte: i Comuni ed Enti locali potranno revocare ad Equitalia e società partecipate la gestione della riscossione tributi e prima era passato l’emendamento Pd che cancella le perdite per l’estinzione anticipata dei prestiti ai Comuni se avvengono entro il 2012 che non dovranno pagare penali alla Cassa Depositi e Prestiti. In serata si è aggiunta la terza bocciatura che sposta il pagamento di tasse e imposte nelle zone terremotate dell’Emilia-Romagna e Lombardia al 30 giugno 2013. Misure aggiuntive sono state la detraibilità assicurata per le rate dei mutui, le detrazioni per i redditi sotto i 55.000 euro e lunedì 5 si ricomincia con l’analisi degli altri emendamenti.

La giornata si è conclusa con la Fiatche (dopo la cortese ma ferma posizione del Ministro Passera sulla prevaricazione di mettere in mobilità altre 19 persone al posto di coloro riassunti per ordine della Magistratura) ha fatto marcia indietro e ha soprasseduto a dare seguito alle ulteriori messe in mobilità: così hanno dichiarato lo juventino Agnelli e l’amerikano Marchionne!

Oggi 4 novembre Giornata dell’Unità italiana nel ricordo della Vittoria sul Piave, da parte dei nostri Arditi (o Caimani del Piave!) contro uno dei più forti eserciti del mondo come è scritto nel Bollettino della Vittoria di Armando Diaz per festeggiare la liberazione di Trento e Trieste e nel ricordo di 600.000 morti in combattimento o assiderati e altrettanti feriti ma, soprattutto nel ricordo di Nazario Sauro, Fabio Filzi, Cesare Battisti, Guglielmo Oberdan passati per le armi o impiccati due volte come è successo a Cesare Battisti dopo che la prima corda si era spezzata (infischiandosene gli Austro-ungarici della regola universale che un uomo non può morire due volte nello stesso giorno). Ed è anche il giorno del ricordo di tutti i caduti per la libertà del nostro Paese.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI