La settimana è iniziata con il sistema elettorale che si è messo ufficialmente in moto con le primarie del Pd, mentre il Pdl non sa che pesci prendere. Oltre 3 milioni di votanti e si va al ballottaggio tra Bersani e Renzi, il 2 dicembre.

26 novembre: al Senato seguito della discussione del disegno di legge 3491 in materia di diffamazioni. Alla Commissione Affari Costituzionali, esame dei disegni di legge in materia elettorale (ddl 2 e conn.). La Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, incontrerà soggetti istituzionali e sociali della Regione Lazio, competenti per la tutela della salute e sicurezza sul lavoro.

Camera dei Deputati: in Aula discussione generale dei testi unificati dei progetti di legge (C 2519- 3184- 3247- 3516- 3915- 4007- 4054B) sul Bilancio di previsione dello Stato, per l’anno in corso, per il Bilancio preventivo 12013- 2015 e nota di variazione. Il testo è passato a grande maggioranza e adesso va al Senato. Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali, e discussione generale dei progetti di legge (C2854- 2862- 2888- 3050- 3066B). a seguire norme generali sulla partecipazione dell’Italia alla formazione e attuazione delle normative e delle politiche della Ue. Al Senato bocciato in Aula a scrutinio segreto e larghissima maggioranza l’art 1 della legge sulla diffamazione, per il carcere ai giornalisti.

A Taranto la situazione si è resa drammatica tra arresti eccellenti, sette in tutto, decisione di chiudere l’Ilva con 5000 dipendenti a casa, con la Fiom che li invita a restare in fabbrica per scongiurare le fine dell’Azienda.

È intervenuto il Governo convocando per giovedì 29 tutte le parti sociali coinvolte, dopo che in nottata il Sottosegretario Catricalà era intervenuto da Palazzo Chigi, con Corrado Passera a Pechino con una riunione con il Sottosegretario allo sviluppo e l’Avvocato generale dello Stato Dipace e il Ministro Clini in videoconferenza.

27 novembre: al Senato prosegue l’esame del ddl 3519: Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita.

Alla Camera, in Aula il testo unificato dei progetti di legge riguardanti i figli naturali, previo esame e votazione della questione pregiudiziale di costituzionalità presentate, votato poi, a stragrande maggioranza, è diventato legge nazionale. Delega al Governo in materia di pene detentive non carcerarie e disposizioni in materia di sospensione dei provvedimenti con messa alla prova e nei confronti degli irreperibili. Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della Presidente dimissionaria della Regione Lazio imponendo di indire le elezioni regionali entro 5 giorni. L’Ocse, per non fare mancare nulla ai cittadini italiani, ha pronosticato un calo del Pil del 2,2% nel 2012 e dell’uno % nel 2013.

28 novembre: Il Presidente del Senato ha ricevuto il Presidente dell’Assemblea economica e rappresentativa cinese, che poi è stato ricevuto dal presidente della Repubblica. Presentato il volume contenente gli atti dell’indagine conoscitiva svolta dalla Commissione politica dell’Ue del Senato sul tema “Il sistema Italia nella trattative relative all’Ue con particolare riferimento al ruolo del Parlamento italiano nella formazione della legislazione comunitaria”.

Alla Camera in Aula informativa urgente del Governo sui recenti  sviluppi relativi alla situazione dell’Ilva a Taranto. Comunicazioni del Governo sul Consiglio europeo. Convenzione sulla protezione e utilizzazione dei corsi dell’acqua.

La Corte di Giustizia europea, ha accolto il ricorso dell’Italia contro l’esclusione dell’italiano come lingua ufficiale nei concorsi europei, anzi ha esteso le lingue europee tutte, ai vari concorsi. Dopo il capolavoro di assenteismo nazionale c’è da ringraziare gli attuali tecnici per la fermezza dimostrata.

Per la serie disastri ambientali, in giornata è successo di tutto, alluvioni, evacuazioni, crolli, tromba d’aria a Taranto e sull’Ilva, un disperso e almeno una trentina di feriti, dopo anni di disinteresse è il caso di prendere il toro per le corna e far funzionare la prevenzione e non ricorrere sempre al dopo.

29 novembre: Palazzo Chigi audizione delle parti sociali per l’Ilva. Al Senato è continuata la discussione del ddl costituzionale 2173, e istituzione di una Commissione per le revisione dell’ordinamento della Repubblica, incardinamento del decreto legge in materia di enti territoriali,e comunicazioni del Presidente sul contenuto del disegno di stabilità.La Commissione Affari Costituzionaliè impegnata nell’esame dei disegni di legge in materia elettorale (ddl 2 e conn). Il Ministro Balducci ha riferito sull’Ilva.

Commissioni Camera dei Deputati: al Copasir audizione del Direttore dell’Informazione e sicurezza interna; alla Commissione Finanze audizione dell’Amministratore della Cassa Depositi e Prestiti sulla gestione, razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico.

Il Presidente del Consiglio Monti ha telefonato ai premier israeliano e palestinese per spiegare le ragioni del sì al posto dell’iniziale astensione, alla votazione Onu per l’ammissione della Palestina come Stato osservatore, ma non membro. Dissensi in Italia da più parti alla decisione di aver cambiato il voto da astensione al sì finale, e come è successo in Europa i cui Stati hanno votato in ordine sparso.

Il Presidente Monti sulla Sanità pubblica ha  parlato di Diritto alla salute e organizzazione pubblica e dei servizi ai cittadini come requisiti irrinunciabili di sviluppo sociale e convivenza civile.

30 novembre: CdM sui problemi dell’Ilva, durato sei ore, è terminato con un decreto blindato come da dichiarazioni del Presidente Monti, che protegga al tempo stesso l’ambiente, la funzionalità dell’azienda anche se gli impianti sono sotto sequestro, i posti di lavoro e la salute pubblica, ma con l’inserimento di un garante nei confronti di tutte le parti, Magistratura compresa. Il Sottosegretario Catricalà ha specificato che il Garante, persona di grande esperienza e probità, verrà nominato dal Presidente della Repubblica. Ed è stato anche specificato che la incandidabilità alle prossime elezioni, sarà oggetto di un nuovo decreto, del CdM il prossimo 5 dicembre.

Al Senato in Aula questione di fiducia sull’approvazione senza modifiche del maxi emendamento n. 1900 interamente sostitutivo dell’articolo unico di conversione del decreto-legge in materia di enti territoriali (A.S. 3576). In seguito alle dimissioni dei relatori, l’Aula ha sospeso il seguito della discussione del ddl costituzionale 2173 e connessi, sull’istituzione di una Commissione per la revisione dell’ordinamento della Repubblica.

Infine la Presidente dimissionaria della Regione Lazio ha fissato le elezioni regionali per il 10 e 11 febbraio 2013, salvo contrordini dell’ultima ora.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI