La settimana è iniziata con il dolorosissimo anniversario della Tragedia dell’Isola del Giglio, dove solo il coraggio degli isolani limitò, si fa per dire, le vittime a trentadue. Un omaggio di tutti noi liberali alle vittime e un grazie agli oscuri eroi che hanno salvato gli altri naufraghi.

Per quanto riguarda la campagna elettorale invitiamo tutti al leggere i testi di Elvira Marasco, su Rivoluzione Liberale, un asso nel raccontare la ridicolaggine di certe candidature.

14 gennaio: incidenti di una certa gravità creati dai no-Tav, in occasione dell’inaugurazione della Stazione di Val di Susa perla linea Lione-Torino all’arrivo del Senatore Monti. In forte calo la produzione industriale nel mese di novembre 2012, aumento delle entrate fiscali del 3,1%, rispetto all’anno precedente, problemi tra lo Stato del Vaticano e Bankitalia per un utilizzo di 40 milioni con carte di credito, aumento del debito pregresso italiano, anche se le competenti autorità di Bankitalia sostengono che, con i dati in arrivo, le prossima rilevazione segnerà un ritorno a sotto i 2000 miliardi.

Spazio ai “Liberali per l’Italia-PLI” nelle Tribune Elettorali della RAI con un’intervista alla Presidente del Consiglio Nazionale trasmessa su Rai3 (video).

La campagna elettorale sta continuando con frecciate, frecciatine, insulti, banalità ma anche sottili prese per il bavero, come la bella favola di Hamlin e del pifferaio magico, per continuare con la rissa per chi ha voluto il redditometro con o senza inversione della prova.

15 gennaio: Medaglia d’Oro conferita dal Presidente della Repubblica ai Comuni del Giglio e Santo Stefano per l’eroico comportamento dei suoi abitanti nel salvare i superstiti del naufragio della Costa Concordia.

Continuano le liti e gli insulti in campagna elettorale. Bene la vendita di Titoli di Stato e discesa dello spread intorno a 261 punti base. Btp per 11 miliardi a 15 anni esitati a grande richiesta. Solo 50 e non 70 eleggibili alle Regionali del Lazio, per risparmiare sulle spese. 169 simboli accettati su 219 dal Viminale per le Politiche, bocciate le liste civetta e 48 ore di tempo alla Lega nord per correggere il suo.

16 gennaio: il Presidente della Bce ha confermato di voler restare alla Bce sino alla scadenza del mandato (del 2019) e non aspirare perciò a concorrere per la nomina a Presidente della Repubblica.

In giornata c’è stata la visita del Segretario della Difesa Usa al Presidente del Consiglio Monti. Il PPE europeo scarica l’ex Presidente del Consiglio Berlusconi e appoggia Monti per le sue scelte europee.

Al Senato, in giornata approvato il decreto su rifinanziamento delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e stabilizzazione. Approvato anche il decreto sui rifiuti (per evitare sanzioni europee), ddl 3458, recante disposizioni urgenti per il superamento di situazioni di inquinamento ambientale.

La Ue finalmente è intervenuta sulle agenzie di rating, per il giogo che hanno messo sui debiti sovrani. La seduta plenaria del Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato un ulteriore giro di vite, il terzo in 5 anni con una serie di limiti ben precisi come non più di tre valutazioni in un anno, con un calendario ben fissato e sempre di venerdì, responsabilità civile per giudizi sbagliati, ed è prevista una road map per una agenzia europea che faccia da freno allo strapotere delle solite agenzie di rating Usa.

17 gennaio: Riunione straordinaria a Bruxelles dei Ministri degli Esteri per la urgentissima questione del Mali. Colloqui tra il Presidente Monti e i segretari di Pd, Udc e Pdl a proposito delle nomine di Prefetti, situazione nel Mali e preparazione del Consiglio europeo sul Bilancio dell’Ue.

Intervista al TG2 delle 13 del Segretario nazionale del PLI e Tavola Rotonda su Rai2 tra PD, Lega nord, Diritti e Libertà e Liberali per l’Italia-PLI con la Presidente del Consiglio nazionale del PLI (video).

18 gennaio: Cdm in giornata, in India la decisione dopo 12 mesi è chela Corte di Kerala è incompetente e adesso ci vuole un tribunale speciale a Nuova Delhi per decidere sul da farsi. Il sostegno di noi liberali per questa via crucis indiana, i quali, una volta trasferito il processo alla Corte suprema, saranno liberi di muoversi per tutta l’India.

Misure proposte dal Senatore Monti in conferenza per i giovani: più interconnessione tra Università e imprese, tirocini, basta nepotismi e baronie, formazione continua e mobilità, zero burocrazia e start up, zero imposte per chi assume giovani sotto i 30 anni, mutui agevolati. Ma questa è in campagna elettorale!

Situazione di blocchi all’Ilva di Taranto dove il rischio concreto è il non pagamento delle prossime buste paga dell’11 febbraio. Vertice di estrema urgenza a Palazzo Chigi con il Presidente Monti e ministri, sottosegretari, Presidente della Provincia Puglia, Sindaco della Città di Taranto, parti sociali. Il Ministro Clini ha sostenuto che la legge va rispettata e che ci sarà un apposito CdM a breve per trovare una soluzione valida.

Nella conferenza post riunione, il Senatore Monti ha confermato che il decreto Salva Ilva è in vigore in attesa del giudizio di costituzionalità. Nel frattempo verranno regolarmente pagati gli stipendi anche per provvedere alle varie tutele, ambientale, sanitaria e produttiva con l’uso dei prodotti finiti. Il Sottosegretario Catricalà conferma che le decisioni definitive verranno prese nel Cdm previsto per martedì 22 gennaio.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI