«Mi fanno sorridere le varie interviste alle escluse dalle candidature. C’è una specie di retrogusto al peperoncino in quelle fatte alle ex onorevoli del PDL, specie se sono belle ragazze.

Voglio dire che non tutte le belle ragazze prosperose nulla dicenti e nulla pensanti che sono state candidate in passato e che ora non hanno visto rinnovare la loro candidatura siano delle amiche speciali del caro Silvio. Sicuramente qualcuna di loro lo è stata; ma da qui a dire che erano state candidate solo per la loro avvenenza mi sembra forse esagerato. Comunque un’idea o due ce l’avranno anche avuta. Insomma non facciamo di tutta un’erba un fascio littorio!

Nel mucchio c’è anche Lella Golfo della Fondazione Bellisario: secondo lei punita per l’impegno verso le donne, anche perché non inclusa nella schiera delle meteorine letterine etc per raggiunti limiti d’età.

La Golfo  è stata firmataria insieme ad Alessia Mosca del PD di una legge che regola la presenza delle donne nei Consigli d’amministrazione di società quotate controllate dalle Pubbliche Amministrazioni.

Di sicuro il caro Silvio avrà avuto i suoi motivi; quello che trovo patetico e ridicolo è l’enfasi che si è data a tutta questa storia; nessuno ha avuto il buongusto di dire “Obbedisco!” e di ritirarsi in buon ordine. Lo ha fatto qualcuno a onor del vero, ma del Partito democratico.

A destra va di moda la conferenza stampa con battuta finale al vetriolo, tanto per sottolineare che va bene me ne vado, ma tu che rimani o che mi hai chiesto di andare via sei una monnezza.

Diciamo che la buona educazione è morta e anche il buongusto non si sente tanto bene.

E mi ha fatto ridere anche l’enfasi data alla richiesta di fare un passo indietro a gente che più inquisita di così si muore.

Anche tra i sinistri ci sono stati episodi simili, ma loro sono più bravi dei destri a fare gli inciuci: hanno un bel po’ di stampa dalla loro parte e sanno ben scrivere gli accenti!

Ma questo però dipende anche dal fatto che Silvio ha sdoganato quello che per anni si è sussurrato alle spalle o nei corridoi: chissà a chi l’ha data (per le donne), chissà a chi l’ha data la moglie (per gli uomini). Ha sdoganato il mercimonio, facendolo diventare pratica normale, specie se la merce era giovane e bella.

E allora care ragazze, rassegnatevi: chissà che non impariate un mestiere, magari una professione.

Come dire, Onorè, siete donne, oltre le gambe c’è di più!»

 

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI