Ilham Tohti

Società Libera esprime preoccupazione per la detenzione del Professore uyghuro Ilham Tohti, iniziata a Pechino il 15 gennaio 2014. L’arresto è una limitazione dei diritti umani e della libertà d’espressione.

Ilham Tohti insegna Economia all’Università Minzu di Pechino, fondatore di un sito web ospitato all’estero, in lingua mandarina, Uyghurbiz-Uyghur Online, che ha spesso trattato questioni economiche, sociali e culturali riguardanti gli Uyghuri ed è considerato dalla comunità uyghura come una voce moderata.

Il 25 febbraio, la moglie del Prof. Tohti ha ricevuto notifica del suo arresto formale con l’accusa di “separatismo”. La pena più severa prevista dalla legge cinese per il “separatismo” è la pena di morte. Dal suo arresto, a Tohti è stato negato il contatto con un avvocato e con la sua famiglia.

Società Libera lancia un appello per il rilascio incondizionato del Prof. Tohti ed esorta le autorità cinesi ad aprire un dialogo con gli Uyghuri tale da favorire una pacifica coesistenza nella regione. La sua liberazione dimostrerebbe anche che la Cina rispetta gli standard internazionali sui diritti umani.

183
CONDIVIDI