napolitano

Il Presidente Napolitano, si è recato a Monfalcone alla mostra dedicata agli aviatori italiani della prima Guerra Mondiale. In serata a Redipuglia, Requiem di Verdi,  diretta dal Maestro Muti e dedicata ai caduti di tutte le guerre presenti i  Premier Austriaco, Croato e Sloveno per il centenario della Grande Guerra, il presidente Napolitano ha riaffermato la necessità di non avere più guerre.

7 luglio: conversazione tra il nostro Presidente Napolitano e il Premier sloveno a Nuova Gorica di fronte alla Valle dei morti, per riaffermare la necessità di un’Europa compatta, flessibile con spinta costante alla crescita, per aiutare le nuove generazioni.

Alla Camera, in Aula si decide per la soppressione Società Equitalia spa e trasferimento delle funzioni in materia di riscossione alla Agenzia delle Entrate, nonché determinazione del linite massimo degli oneri a carico dei contribuenti nei procedimenti di riscossione ( C 2299 –A). Discussione  sulle linee generali della proposta di modifica dell’art 11 – quaterdecies  del decreto legge 30/09/05, convertito con modificazioni della legge 02/12/05 n. 248, in materia del prestito vitalizio ipotecario. A seguire Discussione sulle linee generali del testo unificato delle proposte di legge in materia di agricoltura sociale e poi Discussione sulle linee generali delle mozioni concernenti iniziative per la tutela del Made ln Italy. Lo scandalo dell’inchino della statua della Madonna di Oppido Mamertina di fronte alla casa del boss agli arresti domiciliari per motivi di salute è grave perché si ripete da 30 anni, nel silenzio di preti  e autorità.

8 luglio: alla Camera di seguito ai lavori non terminati del programma di ieri, si è aggiunto Esame e votazione delle questioni pregiudiziali del Disegno di legge28/06/14 n. 92 recante disposizioni urgenti in materia di risarcimento in favore dei detenuti e degli internati in violazione dell’art 3 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali nonché modifiche al Codice di procedura penale e alle disposizioni di attuazione dell’ordinamento del Corpo di polizia penitenziaria e all’ordinamento penitenziario anche minorile (C 2496). Al Senato, in Commissione Affari costituzionali, si è ripreso a votare il progetto per la riforma presentato dal Governo, elezione indiretta di senatori tra i  nodi principali. Discussione del disegno di legge costituzionale  del superamento del bicameralismo paritario, riduzione del numero dei parlamentari, contenimento dei costi di finanziamento delle istituzioni, soppressione del Cnel, revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione (1421) e poi modifica degli articoli 116 e 117 della Costituzione. Attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolare di autonomia delle Regioni, istituzione della “Macro regioni” attraverso un referendum popolare e attribuzione alle stesse di risorse non inferiori al 75% del gettito complessivo tributario complessivo prodotto sul loro territorio , trasferimento delle funzioni amministrative a Comuni e Regioni, modifiche degli art 56 e 57 della Costituzione in materia di composizione di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica, modifiche alla parte seconda della Costituzione concernente la forma del Governo, nonché la composizione e la funzione del Parlamento, modifiche art 68 della Costituzione in materia di autorizzazioni parlamentari, revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione e di altre disposizioni costituzionale in materia di autonomia regionale. Il Senato  ha ripreso a votare il progetto per la riforma presentato dal Governo, elezione indiretta dei senatori, nodo principale. Successivamente è passato l’emendamento anti decreti omnibus, con proroga di 20 giorni nel caso che il Presidente della Repubblica decida di rinviarli alle Camere per ulteriori modificazioni per l’interesse nazionale, Finanze, tributi, ambiente, trasporti, energia, infrastrutture di competenza esclusiva dello Stato. Ricondotte alle Regioni sanità, sviluppo economico locale, organico ha come servizi alle imprese e alle scuole, istruzione e formazione professionale, la promozione dell’obiettivo allo studio anche universitario, attività culturali e di valorizzazione dei beni ambientali e culturali paesaggisti e del turismo di interesse regionale. rapporti tra gli Enti in materia di finanza.

9 luglio: al Senato,  approvate le molte modifiche al Titolo V della Costituzione, nella Commissione Affari costituzionali che approda domani in Aula, mentre  la  corposa presentazione di modifiche costituzionali approda domani in Aula e la votazione finale verrà votata martedì 15 luglio. Serviranno 800.000 firme invece delle attuali 500mila per presentare un Referendum abrogativo. La  La Presidenza della Camera ha deciso che l’arresto del deputato Galan verrà votato in Aula il 15 luglio.

Alla Camera prosegue il lavoro non completato di ieri con anche la Giunta per le autorizzazioni che decide per l’arresto del deputato Galan, ma  lo stop alle indennità dei deputati arrestati con discussione all’ufficio di Presidenza, è stato bloccato.  La Camera con 271 si, 180 no e 7 astenuti, ha respinto il ddl  presentato da M5S per l’abolizione di Equitalia. Comunicazioni del Governo alle Commissioni esteri di Camera e Senato sul Semestre Europeo. 

10 luglio: in Commissione inchiesta di Camera e Senato, elezione del Presidente.

Al Senato dibattito sul disegno di legge costituzionale. In Commissione finanze, valutazione del 730 precompilato. In Commissione lavoro congiunte Camera e Senato, discussione sui decreti legislativi. Alla Commissione lavoro della Camera la cumulabilità e il ricongiungimento delle pensioni, alla Commissione Finanze la cumulabilità delle tasse, agli Affari Costituzionali, audizioni di Ania, Ance, Cgil, Cisl, Uil, Upi, Inps e rappresentanti di Confindustria. La Giunta delle autorizzazioni ha aperto il dibattito sull’arresto del deputato Galan e ha votato si. Alla Commissione Trasporti esame del ddl su evasione delle imposte di bollo.  Disco verde della Commissione Affari Costituzionali: da lunedì 14, esame in Aula del testo concordato per le modifiche al nuovo Senato.

CONDIVIDI