lla-costituzione-italiana

Dicheno ‘gni ggiorno con convinzione

che’sta politica ce costa troppo

e troppo magna. Eppure chi lo dice

sta lì drento, allo scranno der Citorio

abbarbicato. Anche la sora Corte

ha sentenziato, come i libberali

avevano sperato, che nun ponno

più parlà ‘sti onorevoli porchetta.

Non solo nun ce lasceno l’onore

de decide, er popolo è sovrano

solo quanno je piace, ma esclamano

sicuri: “Nun annerà sempre così!”;

perché vonno risolve li mali

der Paese toccanno la sora Carta

che ce tiene ancora uniti. Mò pare

che si se rubba e se magna senza freno

la corpa è tua, pora Costituzione.

Ma come te stanno a riscrive i novi

costituenti, c’ho er gran dubbio, Trilussa

te cito con modestia, che mischianno

le carte senza cambià nulla, riesce

mejio er sogno de molti furbi ometti:

“Dunque potemo fa’ quer che ce pare”.

Pe’ la ggente nun sarà un bon affare.

 

CONDIVIDI