Massimiliano Giannocco Consigliere nazionale del Partito Liberale Italiano ha inteso esprimere la solidarietà a questi cittadini e a tutti coloro che domenica 12 ottobre 2014 hanno subito gravi disagi a causa della “discutibile” organizzazione della gara ciclistica Gran Fondo 2014

Redazione
Castelli Romani (RM) – Dopo la lettera pervenuta alla nostra redazione da parte del cittadino di Nemi, che si è definito “Cattolico irritato”, [NEMI: LA DOMENICA BESTIALE – IL CATTOLICO IRRITATO SCRIVE A L’OSSERVATORE D’ITALIA] che lamentava l’impossibilità di poter assistere alla S.S. Messa domenicale a causa della chiusura temporanea della via dei Laghi e del senso unico sulla via De Sanctis istituito solo per i giorni festivi che rendevano praticamente impossibile ai residenti di Nemi alta di poter scendere a valle se non infrangendo il Codice della strada. E su questo punto sembrerebbe che all’ultimo momento il Comandante dei vigili di Nemi Gabriele Di Bella abbia accolto l’appello lanciato da questo giornale facendo oscurare i cartelli di divieto del senso unico sulla via De Sanctis anche se forse, secondo noi, sarebbe stato più opportuno emettere nuova ordinanza.
Dopo la lettera di una cittadina dei Castelli Romani, Farida Criseo, [CASTELLI ROMANI, GARA CICLISTI: UNA “TRANQUILLA” DOMENICA DI PAURA] che ha denunciato su queste pagine l’impossibilità di poter raggiungere un ospedale a causa della totale paralisi stradale dovuta alla Gran Fondo 2014 di domenica 12 ottobre il Consigliere nazionale del Partito Liberale Italiano – Promotore del Progetto “Decoro liberale” Massimiliano Giannocco ha inteso esprimere la solidarietà a questi cittadini e a tutti coloro che domenica 12 ottobre hanno subito gravi disagi a causa della “discutibile” organizzazione della gara ciclistica Gran Fondo 2014 che ha interessato la zona di Roma sud e dei Castelli Romani.
Ecco la nota del consigliere Liberale:
“In merito alla denuncia di alcuni cittadini indignati per quanto accaduto la scorsa domenica 12 ottobre, desidero esprimere tutta la mia solidarietà e quella del Partito Liberale Italiano.
Ho vissuto in prima persona la tortura subita da tante persone, a causa della gara ciclistica Granfondo 2014. La zona sud di Roma si è letteralmente paralizzata e chi ha avuto la malaugurata intenzione di prendere il Grande Raccordo Anulare per raggiungere i Castelli Romani si è trovato imbottigliato in un traffico infernale.
Per fare un esempio, intorno alle ore 12 di domenica, per percorrere il tratto del GRA che dall’Eur conduce a Via Appia Nuova, circa 10 chilometri, c’è voluto circa 1 ora e mezza. Questo perché? Perché è stata chiusa una strada di strategica importanza, la Via Ardeatina, per consentire tale gara ciclistica.
Nulla contro l’iniziativa di per sé, ma viene il dubbio che chi ha organizzato e autorizzato l’evento non conoscesse la logistica di Roma e dintorni né le abitudini dei cittadini: cosa gravissima soprattutto per chi è chiamato a tutelare il territorio.
Si consideri che, ogni domenica, Via Ardeatina ha un ruolo centrale per chi vuole entrare o uscire da Roma, essendo la vicinissima Via Appia Antica (e dintorni) chiusa al traffico, giustamente pedonalizzata per consentire a romani e turisti di ammirare le bellezze della Regina Viarum.
Si può immaginare le conseguenze della doppia chiusura: Via Appia Antica e Via Ardeatina inibite al traffico in contemporanea, con gli automobilisti costretti a muoversi optando per la Via Appia Nuova da San Giovanni o per il Grande Raccordo Annuale, da raggiungere dalla zona Eur.
Il GRA e Via Appia Nuova hanno rappresentato due gironi danteschi per i malaugurati automobilisti, imbottigliati in code chilometriche.
Si aggiunga il fatto che stiamo parlando di una domenica senza partite di calcio della Serie A, volenti o nolenti fattore da considerare, visto l’amore degli italiani per questo sport, tale da condizionarne le abitudini e, dunque, gli spostamenti domenicali.

Ora non si vuole che queste parole vengano prese come meramente polemiche. L’obiettivo è che si rifletta un po’ di più, che si programmi meglio e che qualunque iniziativa, anche lodevole, venga presa, non si traduca in un autentico boomerang a discapito della cittadinanza.

fonte: Osservatore laziale.it

CONDIVIDI