C’era na matita che je piaceva

fa disegni de come interpretava

la realtà. C’aveva un bel tratto, bbono

a fa capì le cose come staveno.

Te stimolava pure du risate,

perché c’aveva er dono de l’ironia.

E c’era na mitrajia che je dava

seccatura quello che disegnava

la matita, perché nun je piaceva

che se difendesse la libertà,

manco la pace e l’amore fraterno;

inzomma tutto quello contro cui

la mitrajia stessa era stata creata.

Un giorno sta mitrajia se stancò

e sparò contro la pora matita,

spezzandola in due mentre ancora n’opera

de satira stava a fa. “Finarmente

te starai ferma” disse l’arma nera

più nun dovrò sorbimme ste fregnacce”.

La matita, co la punta rimasta

intera, je rispose cor sorriso:

te, mitrajia, sei nata pe distrugge,

ma noi matite esistemo pe creà.

Puro si m’ammazzi quel che ho fatto

pe sempre resterà. La tua violenza,

bensì, me dici ndo te porterà?

61
CONDIVIDI