ospedale

Matelica. Sembra un capitolo   senza fine quello che caratterizza la vicenda dell’ospedale donato dal famoso E. Mattei nel comune di Matelica.

Durante l estate la regione ha tenuto con il fiato sospeso tutta la cittadinanza per la determina che ha scatenato persino una raccolta firme per impedire la chiusura del primo soccorso e l’eliminazione del medico h24, che solo dopo un consiglio straordinario aperto e allargato anche ai sindaci limitrofi coinvolti, ha portato alla SOSPENSIONE della determina ma non all annullamento, quindi spostando la problematica a tempo indeterminato.

Adesso il paragrafo si riapre causa l applicazione di un piano ferie che prevede l accorpamento della rsa medicina e lunga degenza, con un taglio inevitabile dei posti letto, in una zona ricordiamo che é caratterizzata da un elevata percentuale di anziani, dettaglio da non trascurare.

Onde evitare che si applicasse il piano ferie regionale settimana scorsa l amministrazione comunale ha indetto un consiglio allargato anche ai coordinatori dei partiti, che non avessero rappresentanti   in comune per nascita successiva alle elezioni, per mobilitare tutti in funzione di un azione bipartisan congiunta.

A seguito del consiglio sono seguiti una serie di incontri in regione con l assessore regionale Mezzolani e il Dr. Ruta a cui hanno partecipato tutti gli esponenti politici della cittadina di Matelica, Mezzolani si é mostrato disponibile al colloqui ma specificando che ” i tagli determineranno una nuovo riassetto e riordino di tutta la struttura sanitaria regionale” dunque comportando la chiusura probabile di diversi presidi ospedalieri nella Regione.

Tutto ciò è “fatto per razionalizzare la sanità marchigiana”, che nella sostanza , però, in Provincia di Macerata significa la perdita di decine e decine di posti letto.

É indubbio che tale situazione si ripercuote a livello pratico sulla popolazione che si troverà sprovvista dell ospedale e dei relativi pronto soccorso, soprautto nelle zone interne dove le vie di comunicazione sono meno strutturate come nel Maceratese e di conseguenza anche per il comune di Matelica.

CONDIVIDI