Nepal

Una tragedia di dimensioni sempre più crescenti, il terremoto plurimo nel Nepal con in aggiunta una serie di valanghe e 19 morti. Il conteggio dei morti per il terremoto si allunga ed è salito ad oltre 6000 persone, 4 italiani, 2 facevano trekking, 3 dispersi ma 600 salvi. Il primo sisma una scossa di 45 secondi a 7,8 della scala Richter poi altre 45!, superiori a 4,5 della scala Richter.

Katmandu, la capitale del Nepal distrutta e preziosi cimeli storici a distrutti, compresi monumenti patrimonio dell’Unesco.

Segretario dell’Onu e Premier Renzi sulla nave San Giusto per ragionare e proporre misure anti- traffico di esseri umani.

27 aprile: alla Camera dei Deputati discussione sulle linee generali del testo unificato delle proposte di legge, disposizioni in materia di elezioni, già approvate dalla CD ma modificate dal Senato.

A seguire disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente e poi formazione delle liste delle candidature per le elezioni, europee, politiche, regionali, comunali e circoscrizionali, approvate dalla Comunità parlamentare di inchiesta sul funzionamento della mafia e altre associazioni criminali anche straniere (Doc. XIII n.3), razionalizzazione degli uffici postali, educazione alimentare nelle scuole.

Sempre alla CD solo 20 parlamentari in Aula per discutere le modifiche dell’Italicum.

28 aprile: Nepal, un milione senza tetto, valanghe dappertutto; rintracciati 18 italiani, 39 irreperibili e 347 persone date per disperse. Si teme che ci siano oltre 10.000 morti; 4 italiani morti, 300 salvi, solo 10 italiani che non danno notizie di loro, su 347. Il Bollettino, triste, viene aggiornato di ora in ora.

Rinviato a luglio, dopo le vacanze della Corte suprema indiana il ricorso dei nostri due marò contro la polizia investigativa Nia, che prevede almeno tre accuse di omicidio.

Alla Camera, bagarre in Aula, anche dopo il voto segreto che ha respinto tutte le ipotesi di anticostituzionalità e il Governo pone la fiducia sull’Italicum.

Al Senato continua il programma legislativo già stabilito.

Il Segretario generale dell’Onu in Vaticano.

29 aprile: alla Camera, nel pomeriggio, dopo le dichiarazioni di voto, prima votazione sulla fiducia.

Al Senato seguito della discussione del disegno di legge, Riorganizzazione delle Amministrazioni pubbliche e, a seguire, le mozioni già calendarizzate. Risultato della prima votazione di fiducia: 352 si, 207 no, un astenuto.

Katmandu è scivolata di tre metri a seguito del terremoto; salvi un bebè di 4 mesi e un ventisettenne dopo tre giorni di massi che gli impedivano di uscire. Almeno un milione di senza tetto. Problemi enormi per mancanza di cibo, acqua, vestiti. Sciame sismico che non aiuta i soccorsi che vengono da ogni parte del mondo.

30 aprile: due voti di fiducia, uno in mattinata e uno nel pomeriggio; poi all’inizio della prossima settimana, lunedi 4, il voto segreto sul riepilogo.

La seconda fiducia è passata con 350 si, 193 no e un astenuto. La terza fiducia in serata è passata con 342 si, 198 no e 1 astenuto.

Solo tre gli italiani che non hanno dato notizie di sé; oltre 5800 morti accertati; dopo 5 giorni estratte 3 persone, due donne. Medicine, cibo, case per gli sfollati, tutto urgente e necessario.

Al Senato le mozioni già calendarizzate e ok con 149 si e un astenuto per la Riforma della PA.

1 maggio: Festa del lavoro e apertura dell’Expo 2015 a Milano. Qualche manifestazione anti – expo con la Polizia in campo.

CONDIVIDI