M’han cresciuto facendome capì

che nasce e vive a Roma è un grande onore.

Un privilegio, dichiarò Albertone,

sta in questo grande, elegante salotto,

da attraversà in punta de piedi. Piedi

che, a conti fatti, pareno  avè perso

il dovuto rispetto pe l’antichi

marmi, perché s’affonneno e acciaccheno

tutta la storia, la bellezza e l’arte

che manco te capaciti de quanta

ne trovi, su sta tera millenaria.

 

M’han cresciuto facendome capì

che nasce e vive a Roma è anche un grande onere.

Ce vo fatica pe mantenè tutto

sto splendore, ce vole grande impegno.

Nun te poi risparmià! Come li padri

quarcosa de novo e de bello devi

invettate, pe esse un vero Romano.

 

Ma, allora, che è successo? Sto sfacelo

su cui banchettiamo? Che è sta monnezza?

Tutta sta volgarità da dove è uscita

fori? Er coattume preso come modello

de una romanità che nun esiste?

S’è persa l’eleganza de un Trilussa,

de Cesare e de Petronio? De Mafia

sta città rischia d’esse condannata.

Dico: de Mafia! L’animo de la gente

romana è corrotta fino a sto punto?

Da grande salotto a “brutto parcheggio”,

nessuno piagne pe Roma, Rometta

forse dovremmo chiamalla, Romorra

pe li quiriti, e non, che s’arricchischeno

sul suo tesoro. Nisuno, co pia

coscienza, che chieda scusa pe tutto

sto casino? Ogni cosa fatta a piffero,

opere pennoloni  eterne più

dell’Urbe stessa.  A te, che te dichiari

Romano con na odiosa spavalderia,

n’anticchia de vergogna nun te spigne

a nasconnete pe parecchio tempo?

Pare che tutto vada bene, magnano

a scrocco de l’onesti, che talvolta

se lamentano con na voce flebile

che manco senti. Si nun v’offennete,

allora, accorato come me sento

ner vedè Roma bella sì ridotta,

me dimetto da Romano. Rinuncio

a sto parolone così importante,

perché de sta nobiltà nun me sento

degno, come degna nun me figura

sta massa de scrocconi che Romani

se fanno chiamà solo pe no scopo:

gonfiasse de lucro li pantaloni.

55
CONDIVIDI