Quanno ancora se sognava,

da bambini se giocava

a diventà governatore,

perché pe Roma era amore.

Mano ar petto se giurava,

un bel foglio sventolava:

“Io ve dico con orgoglio:

salirò sur Campidoglio.

Me volete dittatore?

No! Vojio esse imperatore.

Pe servì la patria nostra

venno pure sta mia giostra

che ho preso co li spicci;

nun ce devono esse impicci”.

 

Ora che cresciuti semo

quale sindaco c’avremo?

Pochi adulti fanno a gara,

manco er seggio fosse bara,

pe evità de candidasse,

cianno paura de impegnasse.

Quelli che so stati messi

dice “mica semo fessi.

Prima volemo esse certi

co le intese semo esperti.

Nun volemo finì a ruzzolo

manca tutto pure er gruzzolo”.

CONDIVIDI