A Roma i sindaci s’alterneranno
pure. Siamo passati da Ale-Danno
allo sperimentare da vicino
come finire in un Sotto-Marino.

La speranza non è più nei paraggi
e c’è chi crede pure nei mi-Raggi. 

Di chi ci governa cambia colore,
tanto il romano ha lo stesso umore:
alla fine rimane come un fesso,
se piove, Roma s’allaga lo stesso.

CONDIVIDI