La terza settimana di dicembre inizia con l’incarico del Presidente della Repubblica di formare il nuovo Governo al senatore Gentiloni attuale Ministro degli Esteri.
Secondo prassi Gentiloni si è riservato di accettare e ha individuato i tre problemi più gravi: la ricostruzione delle zone terremotate del centro Italia, la situazione della Banche a cominciare da MPS e la necessità di una nuova legge elettorale dopo le decisioni della Consulta del prossimo 24 gennaio.
12 dicembre
Domani la lista dei Ministri: si tratta degli stessi personaggi del precedente Governo, anche se spostati di ruolo e funzioni.
Mercoledì voto a Camera e Senato.
Nuova scossa nel centro Italia di magnitudo 4.8: non ci sono ulteriori danni.
Borse UE: salvo Francoforte, tutte, in apertura in attivo.
Stasera ore 17, 30 Gentiloni salirà al Quirinale con la lista dei Ministri.
13 dicembre
Voto di fiducia a Camera, mentre il Senato discuterà la fiducia domani 14 dicembre nel pomeriggio.
Borse UE: in apertura in passivo Bruxelles, Londra, Milano e spread a 157 punti base, poi tutte in positivo.
Gentiloni ha espresso il suo pensiero su economia, banche, stabilità, ricostruzione delle zone terremotate, poi a Bruxelles il 15 dicembre per le riunione della Commissione europea.
14 dicembre
10 scosse nella notte ad Amatrice, la più forte 3,8 di magnitudo.
Borse UE: in apertura tutte in passivo eccetto Milano in modesto attivo e spread a 149 punti base.
Alla Camera decreto legge per il terremoto, per i 130 Comuni interessati: via libera con 441 si, nessuno contrario e 5 astenuti. Già approvato dal Senato diventa legge.
Al Senato si è votato nel primo pomeriggio 169 si, 99 no e nessun astenuto.
Il Presidente della Commissione Europea sostiene che i costi per i migranti non rientrano nel Patto di stabilità.
15 dicembre
Il neo Presidente del Consiglio a Bruxelles per il Consiglio Europeo, sul tavolo la riforma del diritto di asilo.
Nuova scossa di terremoto vicino ad Amatrice, magnitudo 3.2.
Il Presidente della Repubblica per la quarta volta nelle zone terremotate.
Borse UE: in apertura Borse in attivo eccetto Londra, spread 149 punti base.
Nella lotta tra Mediaset e Vivendi (società francese) interviene il Governo italiano a difesa della proprietà italiana e poi un’inchiesta della Magistratura per aggiotaggio.
Aleppo: situazione tragica per gli spari sulle ambulanze che trasportano fuori da Aleppo i civili.
La Consob ha previsto di intervenire sui problemi del rifinanziamento del MPS, banca senese con l’aumento del capitale sociale di 5 miliardi da effettuare, come stabilisce la BCE tassativamente entro il 31 dicembre.
Attacco dei “forconi” all’ex deputato Nobili, tre persone denunciate.
In Campidoglio perquisizione per le nomine della Sindaco Raggi.
16 dicembre
Decine di scosse: la più forte di magnitudo 2,7 tra le province dell’Aquila e Rieti.
Via libera della Consob alla conversione di bond subordinati in mano ai piccoli risparmiatori in azioni, entro il 31 dicembre, tassativamente.
Borse UE, eccetto Bruxelles tutte in attivo in apertura.

162
CONDIVIDI