Il cinema, la fiction seriale televisiva, la letteratura narrativa e saggistica dei Paesi anglosassoni ci stanno provando, da tempo, a dare dell’essere umano e della sua vita una visione, almeno tendenzialmente, sincera, meno legata, cioè, ai clichè e agli stereotipi manichei che hanno caratterizzato la fantasia letteraria e la produzione filmica.

Fino a quando le Major statunitensi erano in mano della Finanza ebraica non era così. La produzione era dominata da visioni dualistiche, religiose o filosofiche, del mondo. I cineasti ci descrivevano le oscillazioni alternative e frequenti dell’Uomo  tra i poli del bene e del male nonchè la complessità variegata della vita collettiva, talvolta aperta alla generosità talaltra spietatamente crudele.

Una vera e propria “rivoluzione culturale” s’è realizzata con il crollo delle majore con l’avvento del cinema indipendente.

E’ da tempo che non assistiamo a film o a serial televisivi inglesi o statunitensi dove i buoni e i cattivi sono tali, solo e sempre, “a tutto tondo”, dove il Bene finisce sempre per trionfare sul Male e dove l’happy end liberatorio è salutato dal pubblico con il fatidico grido: “arrivano i nostri”!

A sostegno del manicheismo, di lontane origini religiose, c’è sempre stata la Politica degli Idealismi post-hegeliani, vera sciagura per l’umanità del “secolo breve”.

Antonio Gramsci, reinterpretando criticamente il pensiero sullo storicismo assoluto di Benedetto Croce, appartenente, come lui, al pensiero filosofico idealistico post-hegeliano, vedeva la Storia come esito della prassi politica con cui l’uomo è in grado di modificare la realtà e questo cambiamento era sistematicamente considerato come conquista esaltante da parte delle classi più derelitte di un maggiore benessere e di più ampi spazi di libertà contro l’oppressione di Monarchi, Re, Imperatori, Principi, Duchi, Arciduchi e via dicendo nonché di Pontefici, Patriarchi, Cardinali e Alti Prelati. In altre parole, sin dalla lotta della Plebe contro il Patriziato nell’antica Roma e fino alla Rivoluzione bolscevica dell’Ottobre del 1917, solo le battaglie delle masse avrebbero contribuito a trasformare la vita dell’umanità, mutando in meglio i rapporti, tendezialmente ostili e tesi, tra gli esseri umani.

La realtà è che, a dispetto di tanto ideologico entusiasmo, un pensiero veramente libero non si è mai fatto strada tra gli esseri umani e la Terra, per il Poeta, sarebbe “giovin”, perché “schiavi e lacrime ancora rinserra”.

D’altronde, nella valutazione  degli individui, tutte le concezioni manichee, da quella giudaica a quelle (in successione non sempre storica) cristiana, zoroastriana, buddistica e persino gnostica concepiscono ogni aspetto dell’esistenza umana, universalisticamente intesa, come influenzato dal principio della Luce o da quello delle Tenebre.

In definitiva  i figli delle Tenebre, agli occhi delle Chiese, altri non sono che i peccatori  mentre, in politica, sono i ricchi, egoisti e sopraffattori, padroni del mondo, prima feudale e poi industriale.

I rischiarati dalla Luce, per converso, sono i poveri di spirito dei Cristiani e i diseredati della Terra, per gli uomini politici sedicenti di sinistra.

Non sono, comunque, le descrizioni a trarre in inganno: ma l’illusione che credendo in alcune fole, religiose o laiche, il riscatto dell’umanità è a portata di mano.

Un dato positivo è che gli studi più recenti e avvertiti di psicologia individuale e di massa, quelli antropologici e sociologici hanno convalidato l’opinione di  tramonto “in corso” di ogni visione Manichea dell’umanità.

Le filosofie empiristiche, meno inclini alle visioni fantasiose e ai sogni utopici, starebbero progressivamente aumentando, almeno tra le giovani generazione della parte più evoluta del Pianeta.

Ciò spiegherebbe il “nuovo” della produzione letteraria e per immagini inglese e nordamericana  e il progressivo arretramento delle religioni e delle ideologie politiche, dualistiche e con mete salvifiche, nell’intero Occidente. E ciò  anche grazie a un certo diffuso e più generalizzato benessere economico e alla diffusione dei pensieri e delle opinioni attraverso la Rete, l’esaltato (o dai laudatores temporis acti denigrato) Web.

Anche se, però, ormai anch’esso meno diviso da ideologie o da fedi contrapposte, l’Occidente Euro-continentale si muove con maggiore fatica e (talora paralizzante) difficoltà sulle linee di sviluppo perseguite dalla parte Anglosassone.

Ciò che avviene con accettabile limpidezza di pensiero e con discreta unità d’intenti in Gran Bretagna e negli Stati Uniti d’America, nella parte continentale della Vecchia Europa, si frantuma, si sfrangia, si sfilaccia, si moltiplica e si diversifica con l’esaltazione, spasmodicamente perseguita, delle sfumature e degli orpelli di contorno.  Tutto ciò frena notevolmente soprattutto i moti di protesta e di ribellione che non sono mai compatti e unitari, a beneficio di chi tende alla conservazione dello status quo,  ma blocca anche ogni possibilità di dialogo costruttivo tra le forze politiche.

Il dualismo manicheo con ingiurie violente e incrociate  prende ancora il sopravvento su tutto e in Italia ne stiamo avendo una drammatica prova, in questi giorni di crisi post-elettorale.

A nulla valgono i clamorosi dietro-front di movimenti che volevano essere rivoluzionari e si dimostrano, invece, come  aggregati di pantofolai in cerca di collocazione governativa, di timidi e impauriti esecutori di diktat altrui, di azzeccarbugli compilatori di ridicoli documenti d’intesa (quali potrebbero essere redatti da negligenti studenti al primo anno di giurisprudenza o da incalliti fuori-corso). Il manicheismo di base mina tutto: dialogo, capacità di intendersi e di giungere a onorevoli compromessi politici, l’abitudine a ragionare e a rendersi conto che non si può turlupinare l’elettorato con voltafaccia spudorati e clamorosi.

Se i liberali veri, quelli residui, scollegati, dispersi in tante forze politiche diverse, indipendenti e non collegati a logiche partitiche meschinamente spartitorie, non si danno, come dicono a Roma na’mossa,  il bordello italiano non avrà mai fine.

Ma per ottenere dei risultati positivi il loro impegno dovrà essere soprattutto “culturale”: liberarsi, innanzitutto, dei propri “scheletri” nell’armadio (grandi “miti” del pensiero cosiddetto liberale di eruditi parolai e di fideisti camuffati, allievi di cattivi maestri); liberare i post-fideisti di tutte le più aberranti credenze e ideologie per convincerli a ragionare esclusivamente con la la loro testa, a credere in quello che vedono e possono toccare con mano e a non farsi facili illusioni sulla base delle chiacchiere logorroiche di uomini “loquaci del nulla”, di intelligenza anche brillante ma terribilmente superficiale e mai profonda, di scarso coraggio, perché disponibili a emettere i più arditi gridi di guerra, ma pronti a ritirarsi clamorosamente alla prime avvisaglie di scontro a fuoco o alla baionetta.

Senza una ribellione di tipo culturale, innovativa e radicale, che tocchi nel profondo una mentalità pecorile, diffusa e adusa all’ossequio e al servilismo verso i Potenti e l’Autorità, maturata e gelosamente conservata per due millenni per contrastare ogni  pensiero libero, non vi sarà “rivoluzione liberale” che tenga.

I tempi potrebbero essere necessariamente lunghi. E la crisi che stiamo vivendo sarà un’ulteriore discesa verso il fondo. Ma solo toccando quest’ultimo ci si potrà dare la spinta per risalire.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here