13 maggio e seguenti

Lo scrivente comincia questo testo settimanale da due fatti importanti ricordati nella settimana in corso:
la Direzione nazionale liberale auspica una rapida soluzione della crisi di governo, perché l’Italia ha urgente bisogno di riempire il vuoto di potere che si è determinato a causa del lungo periodo di impasse dopo le elezioni. Il Partito radicale si è detto subito d’accordo.

E’ stato ricordato anche come in situazione simile Luigi Einaudi, Presidente della Repubblica decise rapidamente e da solo, chi doveva essere il Capo del Governo.

Le Borse e lo spread mal sopportano questo clima di incertezza e sono in affanno.
Il Presidente della Repubblica ha concesso altri 4 giorni per giungere alla formazione del nuovo Governo.
Preparato programma di 40 pagine e 28 punti.

Debito pubblico salito di 15,9 mld.
Migliorano ordinativi e fatturato.

Bruxelles: l’Italia non cambi politiche, conti pubblici, immigrazione, deficit e debiti.

Commissione UE: ridurre debito e deficit quale che si il Governo.

Bankitalia: sfondato di 2.300 euro il debito pubblico.

Scossa di terremoto a 5 km da Amatrice di magnitudo 2,9; non ci sono danni.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here