Erano gli anni di piombo, un periodo oscuro per la storia del nostro paese sia dal punto di vista politico che anche sotto il profilo della sicurezza. Erano gli anni delle sparatorie fra i Nar e le Brigate Rosse, gli anni in cui il ‘’Mostro di Firenze’’ imperversava imperterrito nelle contrade della Toscana Centrale, massacrando sia a coltellate che con colpi di arma da fuoco ‘’coppiette’’ innocenti, il profilo che partì da quegli anni sarebbe stato di un’Italia sotto shock. Un caso dimenticato forse dagli annali della cronaca nera attuale, è rappresentato dal caso Ludwig, pseudonimo con il quale si firmavano due pericolosissimi assassini seriali, che agivano in Veneto, Olanda e Germania. Questi due assassini seriali erano Marco Furlan e il tedesco Abel, studenti modello, Furlan era prossimo alla laurea in Fisica, rampollo di un’ottima famiglia veneta, Abel invece era laureato in Matematica in ottimi voti, e gestiva sotto il profilo economico l’attività imprenditoriale del padre, un assicuratore tedesco con ottimi profitti economici. Ora prima di attuare un’attenta analisi, perché due ragazzi con ottime probabilità di successo, ottime capacità, ottime lauree(rispettivamente Fisica e Matematica), hanno dovuto attuare delle mostruosità che hanno causato la morte di 28 persone. Una risposta per attuare l’analisi, partirebbe dall’ego, dalla megalomania, dal narcisismo. Furlan e Abel non erano probabilmente due psicopatici comuni, dentro di loro è possibile individuare dal punto di vista psicologico un’elevata componente narcisistica la quale si concretizzava con il pensiero deformato di ripulire la società. Si erano incontrati alla scuola superiore, volevano eliminare nel loro folle progetto ogni tipo di ‘’peccaminosità’’, omosessuali, discoteche, cinema pornografici e preti ‘’deviati’’. Il loro forte narcisismo era dovuto a una scarsa componente di emozioni, si acclamavano nel loro essere come degli ‘’eroi’’ che avrebbero ripulito il mondo da ciò che lo contaminava, volevano sentirsi dentro potenti o forse onnipotenti, nei confronti di una società che credevano di avere sotto il loro controllo. Il 25 Agosto 1977 avvenne il loro primo delitto, l’omicidio Spinelli,  un senzatetto fu bruciato all’interno di un’auto a Verona, altri delitti celebri furono il delitto del tossicodipendente Claudio Costa, ucciso a coltellate, nel 1980 a Vicenza uccisero una prostituta di cinquantadue anni a colpi d’ascia, verso l’inizio degli anni ’80 appiccarono un incendio a un locale ‘’Liverpool’’ di Monaco di Baviera, causando alcuni morti e molti feriti, fu trovata una scritta volgare dopo l’attuazione dell’incendio “Al Liverpool non si scopa più”. Un altro aspetto della psicologia di Furlan e di Abel, è che probabilmente agivano sotto gli influssi dell’ideologia politica nazionalsocialista, infatti è riconosciuto che la filosofia del nazismo, rappresenta idealmente la visione quasi autarchica della bestia che divora il nemico in difficoltà. Agivano entrambi con una violenza sfrenata, sotto l’influsso di canoni astratti che dominavano il loro essere portandoli verso una via caratterizzata da odio e violenza nei confronti della società. Sarebbe opportuno delineare la terminologia sociopatico, nel caso Ludwig, Furlan e Abel erano due antisociali, rifiutavano ogni aspetto della società, la loro personalità strettamente narcisistica gli imponeva di riformarla, se fossero stati psicopatici, non avrebbero collaborato fra di loro, lo psicopatico non prova empatia per nessuno, il sociopatico, inteso come categoria clinica, è capace di provare un’emozione anche parziale solamente per interesse per un individuo con cui ha qualcosa da condividere. Dopo aver appiccato un rogo ad un covo di tossicodipendenti fu ritrovata una lettera inviata alla redazione della Repubblica dove vi era inciso il loro ‘’manifesto’’ di stampo nazionalsocialista, definendo la giustizia equivalente alla  morte, definendo la loro politica come lo sterminio. Abel e Furlan furono condannati nel Febbraio 1987 all’ergastolo.

*Contributo di un giovane della Gioventù Liberale Italiana

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here