Nell’individuazione fra le differenze fra Liberalismo e Liberismo, la prima sostanzialmente e  concettualmente la più significativa è rappresentata dal punto che il Liberalismo rappresenta un sistema politico, mentre in liberismo un sistema economico. Il padre del Liberalismo, nell’ambito della Filosofia Politica fu Locke oltre a Costant. Liberalismo coincide con l’aspetto in chiave analitica in ambito politico di Stato Costituzionale e libertà politica. Esso è differente dal libero commercio e dal libero mercato, elementi dottrinari che appartengono al liberismo in chiave economica. In chiave politica lo stato liberale, si organizza come uno stato dove il potere è ridotto nei confronti dell’ente statale. Il liberalismo come dottrina politica dal punto di vista teorico viene sovvenzionato quando possiede un’economia di mercato, inoltre l’aspetto più importante del Liberalismo è rappresentato dal concetto di proprietà privata in ambito filosofico. Dal periodo romano fino al XVIII secolo, vi è la condizione dove la libertà era in funzione della proprietà. Lo Stato Patrimoniale non era concretizzato come uno Stato Economico, quindi dire che il liberalismo sia una sovrastruttura della società che produce delle illusioni ideologiche come definito dal filosofo Karl Marx, teorico del comunismo, è errato, in quanto il Liberalismo rappresenta l’unione tangibile di concetti e di valori come proprietà ( possesso) e libertà politica. La dottrina liberale, difende l’individuo, una proprietà di garanzia sociale e non strettamente collegato all’ambito quantitativo dell’Economia. Lo Stato Liberale anche analizzando gli eventi più significati post Rivoluzione Russa, perderebbe contatto con la realtà se inserito in un dualismo con un economia di ‘’stampo’’ comunista. In quanto cadrebbe proprio il concetto fondamentale di proprietà privata , da cui deriva il liberalismo stesso e la sua essenza filosofico-politica e dottrinaria. Il Liberalismo rappresenta una libertà interpretabile in diversi spunti ma che sicuramente non troverebbe sbocco se applicata a fattori inseriti in una dimensione marxista della storia e della realtà.

*Contributo di un giovane della Gioventù Liberale Italiana

CONDIVIDI

1 COMMENTO

  1. Credo che dovresti leggere la celebre polemica sul Liberalismo e libersmo tra Croce e Einaudi raccolta in un volumetto (edito da Ricciardi) con una prefazione di Giovanni Malagodi. Lì c’è tutto quello che si può dire su questo importante problema che sta al fondo della ideologia liberale e che continua ad appassionarci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here