AQUISGRANA ED EUROPA FRANCOTEDESCA: L’ITALIA DEVE VOTARE PER CONTRASTARE LO STRITOLAMENTO DI SE STESSA DA PARTE DI FRANCIA E GERMANIA 

Per chi ancora non è chiaro e si inchina beatamente alla prepotente aggressività di Macron , la Francia dopo l’accordo con la sola Germania ad Aquisgrana vuole farla da padrone e dominare l’industria europea tecnologica e della difesa, usando così i soldi e le risorse dell’Unione europea , oggi Europa franco-tedesca, per sostenere economicamente ed avvantaggiare se stessa , al fianco della Germania, e soprattutto depredare tutti gli altri Stati membri europei, prima tra tutti l’Italia, noi. La Francia vuole prendere il comando nucleare di una futura difesa europea post Nato e per fare ciò ha offerto alla Germania e a Merkel il seggio nel Consiglio di sicurezza dell’Onu. Fa così per poter scegliere un giorno , a seconda della propria convenienza, con chi stare, o con la Cina o con l’America. Ma chi deciderà, e da sola, sarà (sarebbe) in tal modo la Francia al posto ed in vece di tutta l’Unione europea. La Germania, presa in castagna dagli Stati Uniti sul surplus economico attuato contro ed a svantaggio di tutti gli altri Stati membri europei (tra cui innanzitutto l’Italia) si è velocemente recata ad Aquisgrana a firmare il trattato a due con la Francia , ha cancellato raramente l’acquisto degli F35 americani e anche quelli inglesi, italiani ed altri per costruire un caccia franco tedesco , carri armati franco tedeschi, navi franco tedesche e via dicendo in oltre una dozzina di settori commerciali politici ed economici fondamentali. Germania e Francia prendono così i soldi (nostri) dall’Unione europea per troneggiare e capeggiare l’Europa franco tedesca. Chi si smarca viene (verrà) compresso e stritolato. L’Italia deve essere, così come già in parte è, de industrializzata in tale complessivo disegno e progetto geo politico di Francia e Germania uber alles. I governi sinistri non eletti di Napolitano Monti, Letta, Renzi,Gentiloni hanno piegato la testa all’Europa franco tedesca pietendo debito. Le ragioni variano dalla mera sudditanza mentale, all’essersi venduti o venire pagati da Francia e Germania per sostenere quell’andazzo, o per incapacità o ancora per un falso e malcompreso “europeismo”, davvero molto distante dalla comprensione della realtà effettiva e vera dei fatti. L’Italia deve fare asse con gli Stati Uniti di Trump e prendere maggiore potere all’interno della Nato (che ancora oggi derazza ) , in modo da non dovere essere presto costretta a entrare sotto la difesa franco tedesca depredata della propria industria e sdrenata bancariamente economicamente istituzionalmente e socialmente come la Grecia, o meglio come questa Europa franco tedesca ha fatto con la Grecia. L’Italia non deve cioè suicidarsi, e invece di correre a chiedere scusa di errori ed aggressioni politiche gravi della Francia contro il nostro Paese, deve convocare e richiamare l’ambasciatore francese pretendendo sonore spiegazioni. Francia e Germania stanno rinforzando marcatamente pubblicamente il proprio asse franco tedesco contro ed a detrimento dell’Europa tutta e dall’Italia. L’Italia deve avvantaggiare se stessa mettendo all’indice tale deplorevole e nefasta diarchia chiamando prontamente ad un confronto tutti gli Stati europei sui Trattati Ue e sulla loro validità o meno attuale. Bisogna evitare il cristallizzarsi dell’asse franco tedesco e ricomporre l’ideale partitario degli Stati tutto dentro l’Europa unita, ovvero la nuova Europa oltrepassata quella – da abbattere e dimenticare – franco tedesca. Gli Stati membri , tranne ovviamente Germania e Francia, si posizioneranno e si muoveranno al fianco dell’Italia e porranno un veto contro il progetto franco tedesco uber alles. L’Italia deve, per salvare se stessa, andare a votare e dotarsi del governo in grado di potere fare tutto questo, quindi senza grillini e movimento cinque stelle in posizioni apicali. Tale strategia geo politica necessita di visione e di competenza in politica estera come in politica economica. Andiamo a nuove elezioni. Nel frattempo il Presidente Mattarella convochi il consiglio supremo della difesa che presiede per competenza di legge e ponga sul tavolo la questione fondamentale, dopo Aquisgrana, della mancata centratura e disattesa dell’ideale e spirito originario comunitario della Unione Europea, avverso le dirazzanti Francia e Germania. Mattarella sia messo in condizione in Italia, per il necessario cambio di governo, di dovere procedere ad aprire la porta del voto elettorale agli italiani.

*Opinione liberamente espressa dall’autrice, che non impegna la linea del giornale.

CONDIVIDI