Sono mesi che auspico che Salvini stacchi il respiratore di questo governo, perché penso alle necessità del paese, ai rapporti tutti da ridiscutere con l’Unione Europea, alla tassazione intollerabile, al lavoro che non c’è, alle armi di distrazione di massa messe in campo dai 5 stelle : reddito di cittadinanza, riduzione dei parlamentari, la tav che non s’ha da fare, una serie infinita di trappole per allocchi. Salvini sogna il 40 % in solitudine o con l’aiuto di qualche servo sciocco. Non ha capito che l’Italia, nemmeno la DC ha mai voluto governarla da sola e che la politica dei due forni di Craxiana memoria (al governo con la Dc,nelle regioni col Pci) alla lunga non paga anzi induce in nefaste tentazioni. La responsabilità reale di questa situazione è però tutta nostra, e per nostra intendo di quell’area moderata, incapace di fare squadra, buona solo a litigare sul sesso degli angeli, legata a personaggi che niente hanno più da dire e sostanzialmente incapaci di fare, un area dove ogni tanto spunta il megalomane di turno col piffero stonato, che suona ma topi non ne attrae. L’elenco è lungo e persino stucchevole: Montezemolo, Della Valle, Samorì, Parisi, Boldrin, Giannino, tutti epigoni di Berlusconi che hanno tentato di rimettere insieme i cocci, vagheggiando una rivoluzione liberale perennemente incompiuta, e soprattutto copiando da Berlusconi la megalomania dell’uomo solo al comando circondato da lacchè servi e da qualche quinta taglia di reggiseno. Con questi presupposti e con questi testimonial, si va poco lontano e Salvini ed i suoi lo sanno benissimo. Hanno regalato qualche strapuntino parlamentare al prezzo della più assoluta obbedienza, frammentando ancor di più l’unica area politica che potrebbe infastidirli, continuano il sodalizio alla Stanlio ed Ollio con di Maio perchè qualcuno a cui dare la colpa ci vuole e si augurano che l’altro Matteo a congresso concluso provochi la naturale nuova scissione del Pd, una scommessa facile facile per la quale nessun bookmaker accetterebbe puntate. Questo e’ il panorama, e il mondo liberale ,repubblicano, radicale e laico continua a litigare su chi ce l’ha più puro. #POVERAPATRIA

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here