Ambrogio Lorenzetti, artista senese che dai Commentari di Lorenzo Ghiberti risulta essere stato, oltre che grande pittore, acuto filosofo è universalmente celebre per gli affreschi del Palazzo pubblico di piazza del Campo sulle Allegorie e sugli effetti del Buono e del Cattivo Governo.

Orbene, mentre non si fa fatica a indovinare che per il Mal Governo l’Italia gli offrisse molto materiale (la Iustitia legata, svilita, senza manto, scettro e corona: la bilancia spezzata in due; la Tirannide strabica, zannuta e, come il diavolo, cornuta, la zampa artigliata e via dicendo) riesce più difficile immaginare da quale Paese di Bengodi l’artista abbia tratto ispirazione per descrivere e affrescare le scene del Buon Governo.

Da ciò che afferma Ghiberti si deve arguire che è stata la straordinaria, immensa cultura del Lorenzetti a fargli scorgere con l’immaginazione la res publica Romana,quella antecedente all’immigrazione ebraica, cristiana e all’egemonia del pensiero platonico (e post), dove prevaleva ancora una visione monistica della realtà, priva delle fantasie e fumisterie del dualismo religioso e filosofico, basata sull’individualismo concreto e non sull’universalismo astratto delle Idee che prendono il posto delle cose.

E come Lorenzetti, al pragmatismo operativo dei “Buoni governanti” empiristici e concreti hanno guardato con motivata ammirazione molti geni dell’umanità, diffidenti degli universalismi, falsamente salvifici e benefici.

Herik Ibsen riteneva che l’esaltazione degli ideali nobili e degli alti valori fosse pura menzogna. E molti altri filosofi e scrittori sono stati pienamente d’accordo con lui.

Tutti gli idealismi mascherano la realtà e rendono soprattutto la lotta politica più aspra e conflittuale per la carica di odio che è connessa a ogni “diversità” di opinioni, manifestata dagli esseri umani. In ciò “veri lupi”, a detta di Hobbes, per i loro consimili; soprattutto dopo che la mediorientalizzazione della vita occidentale (postRoma Repubblicana) ha imposto l’imperativo religioso che un nemico di Dio va ucciso e non fatto prigioniero (e ciò a causa del pericolo, che continui ad avere e a diffondere le sue idee) Ignazio De Loyola definiva “santa” l’ “occisione dei nemici di Dio” ed è particolarmente ricca la storia delle distruzioni cristiane: dai pagani, alle Crociate, dalla conquista del Messico ad altre consimili ribalderie.

Per il raggiungimento di Nobili Ideali è giocoforza che l’emozione prevalga sull’intelligenza e sul raziocinio.

Per l’affermazione conclamata dei Diritti Umani si possono compiere le più ignobili nefandezze. E ciò perché si è portati a ignorare la realtà e a inseguire il sogno e l’utopia. In altre parole, volendosi perseguire l’ordine, si crea il caos.

Dell’intuizione di Ibsen, la Storia ha offerto valide e significative prove; soprattutto dopo che la guerra per l’affermazione degli Ideali e dei Valori religiosi è stata incrementata con la lotta, altrettanto feroce, tra gli Ideali e i Valori dei fascisti e dei comunisti, discendenti alla lontana, del loro Maestro laico, Platone.

Baruch Spinoza che qualificava “impostori dell’Umanità” Mosè, Cristo e Maomento, a causa degli assassini provocati sul Pianeta dalle loro predicazioni, ignorava, ovviamente, che i seguaci futuri del fantasioso filosofo ateniese, tacendo sul mondo iperuranico, avrebbero inventato i giochetti dell’Idea Universale e degli Io particolari (con una sorta di partita a scacchi: tesi, antitesi e sintesi) provocando morte e stermini di analoghe proporzioni.

Solo l’intelligenza successiva ai genocidi del “secolo breve” ha fatto scoprire (e non per tutti, purtroppo!) il marcio di tutti gli ecumenismi e universalismi oltre che di tutti gli Ideali che si ripromettono di salvare l’umanità e di garantire i cosiddetti human rights.

“ Non usare parole straniere: “ideali”. Noi abbiamo una nostra parola eccellente: “bugie” –fa dire Ibsen a uno dei protagnosti della sua commedia“The Wild Duck”.

Ma Samantha Power, ambasciatrice di Barack Obama all’ONU, probabilmente, non apprezza il drammaturgo norvegese e quando scrive le sue memorie in un libro dal titolo “The education of an Idealist”esalta le organizzazioni come Human Rights Watch e tutti quei movimenti (ecologisti, pacifisti, buonisti) che (non si sa da chi sorretti e finanziati) “marciano” sulle strade del mondo per nobili obiettivi.

Peccato che tali imponenti manifestazioni non siano mai riuscite a impedire agli Stati Uniti d’America, governati dai “Presidenti” prediletti e voluti dagli gnomi di Wall Street(e ciò, proprio fino a Obama) di non intervenire – non per un difetto di conoscenza o di influenza ma per mancanza di volontà (lack of will, scrive la Power) – tutte le volte che i “diritti umani”, di libertà e di vita, sono stati messi a rischio nella storia recente dell’umanità. E ciò, non soltanto nell’America Latina. Le violazioni del diritto internazionale da parte degli Stati Uniti d’America, retti dai Presidenti delle passate legislature nonché delle Istituzioni da essi governate sono state veramente molteplici.

Il volume della Power è stato recensito in senso argutamente critico da David Rieff e Franco Continolo ne ha dato notizia con le sue email agli amici. Dobbiamo ringraziarlo per il suggerimento della lettura.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here