COSTITUZIONE CALPESTATA: RIAPRIRE L’ITALIA

Il virus Corona è sfuggito e fuoriuscito dal laboratorio cinese cui probabilmente è stato commissionato per disporre di un’arma letale di sterminio di massa. Avendo visto la Sars, è stato chiesto qualcosa di simile.
In Italia da tempo non si rispetta la Costituzione, murando in casa gli italiani. Durante una emergenza solo ed unicamente il Parlamento può decidere temporanee chiusure di determinate zone del Paese. I diritti degli italiani, a cominciare da quello di movimento e spostamento non può soggiacere neanche alla eventuale legge – temporanea – del Parlamento. In Italia non esistono autentici leader politici nè nella sostanza – quelli davanti ai nostri occhi sono mascalzoni balordi incapaci e incompetenti, non hanno mai avuto nè dispongono di un vero lavoro nel libero mercato (ad esempio Giuseppe Conte nella università pubblica è in totale conflitto di interessi essendoci entrato con il suo datore di lavoro Alpa nelle commissioni d’esame, non avendo avuto i titoli per la cattedra – nessun atto nè documentazione relativa – tutto inesistente tranne lo stipendio pubblico rubato e pagatogli dagli italiani ) – nè nella forma – non sono stati eletti da nessuno degli italiani, come Giuseppe Conte e l’attuale ministro dell’interno Luciana Lamorgese, amica di Mattarella, Gualtieri (quest’ultimo ha sfruttato il ministero – non eletto – per imporre l’elezione dopo l’incarico di governo).
Chi si aspetta competenza e capacità da non eletti al potere rubato è – e sarà sempre – fuori strada. I politici devono essere eletti, legittimati dal voto del popolo italiano (prima di andare al governo).
In Italia, dai tempi di Mani pulite- Tangentopoli- cioè dal 1990, ha preso il potere la sinistra comunista politica che, per fare ció, si è servita ed ha utilizzato i giudici e la pseudo giustizia italiana. Opportuno ricordare qui che in Italia il Consiglio superiore della magistratura- CSM – ha quale presidente il presidente della Repubblica pro tempore, oggi Sergio Mattarella, il quale controlla dirige smista coordina approva e ferma, “stoppa” le azioni di tutti i giudici d’Italia tramite le procure della Repubblica. Il Presidente della Repubblica, come è noto, in Italia non è eletto direttamente dal popolo italiano.
Tutti gli ultimi governi – Monti, Letta, Renzi, Gentiloni 1 e 2, adesso Conte- difettano di legittimazione elettorale popolare. Sono forzature della sinistra Pd – Mattarella oggi, ieri Napolitano, sono i veri capi del Pd, cattocomunista il primo, vetero comunista il secondo – aventi lo scopo di mantenere il potere – e le nomine delle aziende di Stato che gli italiani a ragione non si “spiegano” – per sè, lontano da qualsivoglia volontà e voto degli italiani.
Gli italiani, quando possono votare, votano esattamente dall’altra parte, in maggioranza. I giudici, subito, intervengono, accusando gli eletti di centrodestra e financo chi li ha votati , qualsiasi cosa facciano , anche inventando di sana pianta, pretestuosamente .
In Italia bisogna al contrario fare votare spesso gli italiani . Oggi Mattarella evita come la peste il voto elettorale, perché è il vero capo dell’attuale governo della vergogna Pd/5stelle.
Il primo provvedimento di legge di un futuro, vero ed eletto ministro della giustizia italiana deve essere di riformare la giustizia ed il ruolo e le competenze dei giudici italiani, che sono tutti politicizzati altrimenti non solo non passano il concorso pubblico che è truccato alla radice , ma non rimarrebbero nell’ufficio, perché velocemente rimossi o ostracizzati.
Mattarella oggi preferisce la distruzione totale del Paese piuttosto che fare votare gli italiani. Il voto elettorale degli italiani è cosa scritta e stabilita dalla Costituzione italiana, la cui ratio è tutta nella volontà popolare. Non altri. È il popolo italiano a dovere decidere tutto.
Oggi l’Italia è in mano ai balordi senza arte nè parte. La ripartenza impone che gli italiani si riapproprino della democrazia e del rispetto delle regole – tutte -, cominciando da quelle scritte nella nostra Costituzione italiana. Votare.
Il Presidente Trump che, grande statista e stratega geopolitico, può sistemare gli equilibri in Europa facendoci – o meglio obbligando Mattarella a sciogliere le Camere ed a portarci a – votare.
L’Italia, votando, diventerà il punto di appoggio e l’Alleato fedele degli USA in Europa, per la sua riforma – in asse anche con il Regno Unito della Regina Elisabetta, l’unica che ci sta di testa, con Johnson di Brexit-.
L’Europa, oggi, è tedesca . O, meglio, siamo sotto la Germania europea.
La Francia è al seguito pronta a colonizzare il colonizzabile per sè e sotto di sè. Si vedano gli acquisti a prezzo zero dell’economia e degli assets economici migliori italiani.
Il surplus economico scorrettamente lucrato dalla Germania contro ed a svantaggio di tutti gli altri Paesi membri europei merita una forte lezione da parte di Trump, tramite l’Italia.
L’Italia, dopo il voto, sarà pronta a fare tutto quello che Trump non può non avere già in mente per l’Europa, per la nuova Europa

747
CONDIVIDI