“Sulla libertà”, traduzione edita da Giulio Einaudi Editore, Torino, 2020.

Cass R. Sunstein è professore presso la Harvard Law School nonché ideatore insieme a Richard H. Thaler della “Nudge Theory” all’interno dell’economia comportamentale e della filosofia politica.

 

Questo piccolo volume (85 pagine facili e veloci da leggere, in cui si concentra il pensiero dell’autore), è un ottimo punto di partenza per conoscere la teoria dei “nudges”, dei c.d. pungoli o spinte gentili, sviluppata da Sunstein e Thaler nel 2009 (“Nudge. La spinta gentile. La nuova strategia per migliorare le nostre decisioni su denaro, salute, felicità”, una lettura ancora oggi utile e indispensabile come strumento per riflettere sulla realtà che ci circonda, che condiziona le nostre scelte e per approfondire il concetto di spinta gentile):

 

«I pungoli o spinte gentili sono interventi che tutelano appieno la libertà di scelta, ma al tempo stesso guidano le decisioni delle persone in certe direzioni» (p. 13, “Sulla libertà”).

 

In questo testo l’autore persegue l’obiettivo ambizioso di collegare la teoria dei “nudges” alla libertà umana, attraverso il concetto di “navigabilità” la tesi di fondo che pervade tutto il testo è che gli ostacoli alla navigabilità sono una delle principali fonti di non-libertà nella vita umana e che le spinte gentili consentono alle persone di “andare dove vogliono andare”, rispettando le preferenze e i propri valori.

All’interno di questa tesi l’autore affronta i temi del criterio del giudizio individuale, dell’architettura della scelta, del benessere individuale, del paternalismo libertario, dei “nudges” e della libertà della scelta, citando anche due grandi del pensiero liberale, John Stuart Mill e Friedrich Hayek.

La lettura porta inevitabilmente il lettore a riflettere sulla tesi di fondo dell’autore: abbiamo davvero bisogno di spinte gentili per essere liberi?

262

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here