Il grande manovratore che da troppo tempo condiziona la vita politica italiana, vuole la vittoria del SI: è bene che si sappia. Ormai da quasi un cinquantennio, con una forte accelerazione negli ultimi trentanni, è  in corso una costante e progressiva azione di destabilizzazione del nostro Paese, delle sue Istituzioni, delleconomia, con una regia precisa di carattere internazionale con illimitata disponibilità di mezzi finanziari. Di volta in volta vengono armate le mani di questo o di quello per creare il clima di emergenza. Prima fu il terrorismo di matrice politica, dopo gli attentati e le stragi mafiose. Intanto si preparava un lungo lavoro, (facilitato da una classe politica stupida e ladrona, che aveva creato il clima adatto per la propria completa destabilizzazione)  con lobiettivo  di realizzare, come avvenne nel 92/94, un golpe mediatico giudiziario, che incoronò e santificò i piccoli eroi che procedevano ad arresti a raffica, perquisizioni, sequestri, conferenze stampa continue, grandi scenografie processuali, talvolta poi naufragate miseramente o comunque con risultati modesti, ma che servirono a delegittimare il sistema dei partiti e lintero impianto giuridico costituzionale del Paese. A volte si trattava di impianti accusatori del tutto meschini per dare comunque risposte allopinione pubblica frastornata, come quando, accettando per buone le fandonie di personaggi come Scarantino, vennero pronunciate nel processo per la strage Borsellino, sentenze pesanti con ergastoli e secoli di carcere, mentre successivamente apparve chiaro che qualcuno, rimasto misteriosamente sconosciuto, aveva pilotato quelle insostenibili condanne, mentre magistrati scrupolosi avevano individuato almeno alcuni  dei reali protagonisti della manovalanza stragista. La scena dalle aule giudiziarie trasformate in set cinematografici non era più  in grado di reggere allurto mediatico, come al tempo del cow boy Di Pietro. Il nuovo disegno, questa volta,  tutto politico e tremendamente più destabilizzante, per la sua realizzazione, fu quindi affidato dal manovratore, sempre il medesimo, a Grillo e al suo movimento pentastellato, dove era facile accendere una miccia per far divampare un incendio, disponendo di una manovalanza esagitata e sempre pronta a campagne radicali contro il potere, le Istituzioni, lautorità, fino a quando tutto questo non si è  incarnato nella nascita del movimento stesso. Il mostro quindi non era più il potere in sé e chi lo esercitava, sostituito da improvvisati guitti di provincia con piglio dilettantesco, che talvolta suscitano alternativamente rabbia o sorrisi, ma una sorta di nemico invisibile, definito come la casta. La principale forza politica del Paese in termini di importanza della rappresentanza parlamentare, divenne proprio quella che aveva il compito di annientare la democrazia rappresentativa, attraverso azioni dimostrative in grado di  colpire la fantasia delle grandi masse ed eccitarle. Lobiettivo reale quindi oggi non è quello della riduzione del numero dei parlamentari, opinabile e discutibile, ma la amputazione della rappresentanza popolare, senza un qualsivoglia disegno riformatore, la  ostentazione tracotante che si tratta soltanto di una manovra per delegittimare lIstituzione parlamentare. Il disegno, com’è avvenuto durante la pandemia, è quello di spostare sempre più ampie prerogative dellesercizio del potere reale verso lEsecutivo, anche attraverso strumenti inidonei, come i DCPM, che, in quanto atti  meramente amministrativi, non possono avere forza di legge.

Lurgenza era di liberarsi in qualunque modo dallingombro parlamentare. Lo aveva già fatto Mussolini nel 1925, in forma più traumatica, ma almeno più chiara. Qui il colpo di mano è subdolo, strisciante. Il grido di battaglia è stato: novecento parlamentari sono troppi, riduciamoli a seicento, ma nessuno si è preoccupato di ridisegnarne i ruoli, per rendere le assemblee legislative più efficienti, più autonome dal Governo e dai partiti, più vicine al popolo sovrano, che esse dovrebbero rappresentare, per tornare ad essere  la sede reale del potere legislativo e non un semplice ovile obbediente con il compito di ratificare quasi esclusivamente atti di iniziativa governativa, sovente sottoponrndosi al voto di fiducia.

Una riforma costituzionale si può sempre fare, nulla è destinato a durare in eterno, ma affrontando le problematiche che si intendono risolvere in un unico contesto e, dopo, sottoponendo al giudizio referendario del popolo sovrano lintera riforma ed il principio che la sottrnde, come hanno fatto Berlusconi nel 2006 e Renzi nel 2016, ricevendo due risposte negative da parte degli elettori. Queste sono le nostre regole Costituzionali! La scelta di presentare singole modifiche fuori da un contesto, nella speranza di rubare un consenso di cui ai cittadini non  risulta chiaro lobiettivo reale, anzi utilizzando il falso scopo di definire pletoriche ed inefficienti le attuali Camere, oltre che scorretto, si sta rivelando pericoloso. Il primo passo è la riduzione del numero, poi si approverà una bella legge elettorale proporzionale con sbarramento per eliminare le forze minori, cioè  le uniche voci critiche. Ovviamente si continuerà ad espropriare agli elettori il diritto di scegliere i propri rappresentanti, affidando tale determinazione soltanto ai partiti, i quali continueranno a mettere, famigli, amanti, segretarie, cassaintegrati, disoccupati, analfabeti, tutti ciecamente obbedienti e pronti ad occupare un posto nellovile senza lamentarsi, evitando gli smottamenti registrati di recente. La riforma del sistema sarà compiuta, senza dover ricorrere a commissioni bicamerali, grandi discussioni,  pareri di esperti, mediazioni e, magari alla fine, un nulla di fatto, come è accaduto più volte in passato. Il referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari è il primo tassello di un progetto autoritario, che perverrà, dopo, ad un rafforzamento dei poteri della Presidenza del Consiglio. Il percorso sarà meno scenografico di quanto con arroganza fece Mussolini nel 1925, ma altrettanto efficace per raggiungere il medesimo risultato. La beffa in tutta questa vicenda è rappresentata da una becera destra, alla quale invero come ispirazione politica le scorciatoie autoritarie piacciono. Anzi, in questa occasione, non avendo capito la pericolosità del disegno, lo sta avallando, rafforzando di fatto le condizioni per consolidare lalleanza M5S PD e mettendosi fuori gioco definitivamente, mentre oggi la coalizione di centro destra avrebbe una carta vincente sicura nelle proprie mani, solo se si rendesse conto che la sconfitta dei Cinque Stelle al referendum con il proprio voto compatto, ne determinerebbe la fine, insieme alla inevitabile caduta del Governo, con conseguenti elezioni anticipate, ancora, secondo i sondaggi, probabilmente ad esso favorevoli. La intrinseca tendenza al martirio, invece, li porterà ad ubbidire al proprio riflesso autoritario, in particolare la Meloni, regalando ai pentastellati una vittoria niente affatto scontata, anche per i dubbi che in maniera diffusa percorrono il PD, che voterà tuttaltro che compatto, preferendo seguire le indicazioni di buon senso di tutta intera laccademia nel campo costituzionale e della opinione benpensante moderata. Purtroppo temiamo che tutto questo non sarà sufficiente a far prevalere il NO. Ovviamente, convinti delle nostre forti ragioni giuridiche e democratiche, continueremo a batterci fino allultimo giorno, confidando che alla fine possa emergere unondata, anchessa tipicamente italiana, di insofferenza verso la arroganza pentastellata, come  avvenne nel dicembre 2016 nei confronti di quella di Renzi.

834

1 COMMENTO

  1. Caro Stefano,
    il tuo sfogo (amaro) è anche un’analisi politica che abbraccia un secolo di storia italiana! Ci sarebbero ancora tante cose da dire, ma non in questa sede. Mi auguro che, passata l’emergenza sanitaria, si possa finalmente convocare un consiglio nazionale per discutere di questi temi in maniera approfondita.
    Un caro saluto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here