Come già scritto, in un piccolo partito ci sono piccoli numeri ma possono esserci grandi ideali.
Questo sicuramente appartiene al nostro Partito Liberale e, ne sono convinto, solo con il gioco di squadra si riuscirà a far superare questa emergenza che dura da più di un decennio ma per quanto evidente e conclamata ne sia la necessità, oltre lo sforzo della dirigenza campana, non vedo notizia di azioni concrete su tutto il territorio nazionale se non, appunto, di buone intenzioni che non mi sono mai appartenute.

Allora, volendo allontanare il tempo dei giudizi critici, delle colpevolizzazioni, ritengo che questo sia il momento di dimostrare la serietà e la concretezza del Partito con un dibattito politico lontano dalla faziosità e vicino alla realtà dei fatti e non delle chiacchiere.

Il risultato ottenuto in Campania non è frutto di protagonismi, è stato il frutto di una lungimiranza politica di una “nuova generazione” riunita intorno al Segretario Nazionale Roberto Sorcinelli, il giusto corollario per essere convinti che la strada da percorrere è questa, senza se e senza ma. Il ritardo può essere colmato visto che prossimamente ci saranno nuove sfide elettorali come le Amministrative nelle più importanti metropoli italiane, dal sud al nord, senza sottovalutare i piccoli centri.
L’azione Politica intrapresa, dopo il risultato ottenuto, non può essere assimilata ad un semplice esperimento da laboratorio ma ad una reale esigenza tradotta in risultato. Non è più il momento di pensare ma di agire e come dicevo già qualche anno fa, inascoltato, è il tempo delle scelte e il Partito Liberale nella Sua interezza, dall’ufficio di Segreteria Nazionale, dall’ufficio di Presidenza, ai territori tutti, ha la responsabilità delle sue scelte e l’occasione di uscire dall’immobilismo e dal protagonismo di alcuni Dirigenti.
Il Partito Liberale deve parlare al plurale, deve avere una preparazione adeguata e soprattutto un Governo Centrale coeso, altrimenti si metterà in discussione lo stesso Governo, in tempi brevi.

I Liberali, gli iscritti al PLI ovviamente, mettano da parte la vis polemica e adottino un approccio costruttivo verso una realtà di marketing politico moderno.
Dietro l’angolo ci sono i liberali da salotto ma anche la possibilità di raggiungere il giusto successo.

494

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here