Rompendo tutti i residui indugi, la sinistra unita (PD-M5S e minori) si coalizzerà per le prossime elezioni amministrative di Roma.
L’assoluzione (o beatificazione?) del Sindaco Raggi che ha passato indenne le forche caudine della Magistratura, ha rilanciato quella che pare essere la decisione finale del PD romano.
Tutti uniti contro i brutti e cattivi di destra.  Con buona pace per gli oppositori nello stesso PD.
Questa sorta di “folgorazione sulla via di Damasco”, laddove tutti gli elettori (di sinistra, ovviamente) finiranno per fare la figura del gregge che -belando-segue il pastore, così, acriticamente, é francamente un pó imbarazzante per chi, come noi, crede alla vera democrazia ed al rispetto per le opinioni della gente.  Ma come? Fino a ieri il PD faceva fiamme e fuoco contro lo strapotere con cui l’esponente M5S sgovernava la città e ora…puff… il solito miracolo giudiziario fa sparire tutto?
Però non fa affatto dissolvere la cattiva amministrazione di un lustro intero.
Di esempi le strade ne sono piene: sporche come non mai, con i rifiuti che tracimano da cassonetti scassati e ammaccati…, ma oggi desideriamo parlare di un’altra genialata dal sen sortita.
I monopattini.
Buttati sui marciapiedi, negli angoli delle strade, essi sono di intralcio per la circolazione delle persone, delle carrozzelle dei disabili e pure per quelle degli infanti.
Perc te li trovi dappertutto.
Ammassati alla rinfusa: uno, due, tre alla volta. A perenne ricordo della maleducazione civica e pure della carente amministrazione. Qualcuno dovrà pur mettere la parola “fine” a questo scempio del decoro cittadino, alla buon’ora…
Le Società (“benefiche”? See) che gestiscono questi pezzi di metallo (perché anche questo è diventato un business targato M5S) fanno finta di non capire, sfruttando le pieghe di contratti poco chiari che DANNO pur sempre al monopattino pure la possibilità di accedere nel Centro Storico.
La dis-cura urbana, quindi, non si é limitata solo alla penosa e carente manutenzione del verde pubblico, ma è tracimata verso questi pezzi di metallo colorato che, a mó di un giochetto di bastoncini, tu puoi trovare disseminati per ogni dove: dalle parti del Colosseo, del Foro, a Piazza Argentina, ovvero in Piazza Venezia.
828