È l’ora più buia, per citare Winston Churchill, e neanche si vede un barlume di luce in fondo al tunnel.

Il nostro paese è sotto attacco ma non è sotto attacco solo da parte di un coronavirus. È bombardato dalle nostre inadeguatezze, dalle nostre rendite di posizione, da tutti coloro che occupano un posto e non sono adeguati al compito che viene assegnato, da una politica che ha raggiunto livelli così infimi da poter essere ben rappresentata dal VAR sul voto di un Ciampolillo e da un Nencini che all’ultimo istante (chissà folgorato da quale caduta da cavallo) si scopre favorevole di nuovo al governo.

Io mi appello a Mattarella, che ponga fine a questo indicibile schifo. Che usi la moral suasion sul PD, convochi le figure più qualificate e autorevoli d’Italia e gli dia l’incarico di fare un governo e di vincere questa guerra.

Presidente, cacci via i mercanti di balle dal tempio della politica, cacci via chiunque non è adeguato, si assuma lei la responsabilità politica di salvare il paese, non con la retorica delle buone parole ma sbattendo i pugni sul tavolo come fecero suoi illustri predecessori.

Mandi via questo questo Giuseppe Conte, venuto dal nulla e che si è ancorato alla poltrona, governando prima coi sovranisti e poi coi populisti, smentendo le proprie posizioni praticamente ogni mese con compromessi sempre al ribasso pur di rammendare una maggioranza senza senso (molti la considerano una qualità ma in realtà è sintomo dell’assenza delle idee e del desiderio unico di salvare il proprio posto)

Altrimenti non usciremo dalla crisi sanitaria, altrimenti non riusciremo a far ripartire l’economia del paese, altrimenti non riusciremo a dare dignità alla formazione dei nostri figli, altrimenti non riusciremo neanche a fare una campagna di vaccinazioni efficiente e il prossimo inverno saremo di nuovo al punto di partenza.
Altrimenti questa Nazione che si tiene in piedi con rammendi, come la maggioranza di Conte, crollerà su se stessa.

È L’ora più buia presidente e solo lei può salvarci. La Costituzione le permette di farlo. E nel momento in cui le leggi vincolano gli uomini al non giusto per il bene comune, è il buonsenso e il senso morale che deve prevalere.

“Questo articolo non rappresenta la linea del PLI, ma viene volentieri ospitato su Rivoluzione Liberale, che come linea editoriale da sempre pubblica tutte le opinioni del variegato mondo liberale .”

303

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here