Ma tu sei di destra o di sinistra?

Il diagramma di Nolan

 

Ma tu sei di destra o di sinistra?

 

Quante volte abbiamo sentito questa domanda? Quante volte abbiamo cercato di spiegare al nostro interlocutore che rispondere ad una domanda del genere (che presuppone porsi nei confronti della politica con una visione manichea), in un modo così semplicistico è sbagliato. Quante volte abbiamo tentato di spiegare in termini semplicistici cosa sia il liberalismo, senza riuscire a farci capire.

 

David Nolan, uno dei fondatori (1971) del Partito Libertario statunitense (l’attuale terza forza politica degli USA), viene ricordato per essere l’inventore del diagramma di Nolan, uno dei vari diagrammi dello spettro politico esistenti ad oggi che supera la tassonomia politica sinistra vs destra, grazie alla separazione delle questioni della libertà economica e della libertà sociale presentandole su un piano bidimensionale.

 

Sull’asse verticale del diagramma, viene posta la libertà personale (diritti civili e sociali, legalizzazione delle droghe, aborto, eutanasia, ricerca scientifica, abolizione della leva militare, tolleranza delle minoranze, ecc…), mentre sull’asse orizzontale, la libertà economica (taglio delle tasse, libero mercato, riduzione della spesa pubblica, privatizzazioni, ecc…).

Con le varie sfumature possibili (merito del diagramma è di avere al suo interno varie posizioni politiche), a sinistra si collocano i socialisti, a destra i conservatori, in alto i libertariani, in basso i totalitarismi (che Nolan definì originariamente populismi – “vertice basso come angolo del quadrante populista”).

 

 

Su internet sono presenti vari siti che offrono dei test per capire la propria posizione all’interno di diagrammi che rappresentano lo spettro politico (ad es. https://www.idrlabs.com/it/coordinate-politiche/test.php), ispirati più o meno al diagramma di Nolan.

 

Dunque, per rispondere alla domanda sei di destra o di sinistra, la prossima volta potremo rispondere facendo vedere la nostra posizione sul diagramma!

 

260

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here