Nelle aste italiane di inizio 2021 si è registrato che, su di un totale di 1,2 GW di energia fotovoltaica bandita, solo 300 MW sono stati assegnati.  Niente, in sostanza.

Perché invece in Spagna, nello stesso arco temporale, su 3 GW banditi  l’offerta si è attestata sui 9,7 GW: cioè più del triplo?
È questo un caso emblematico su cui occorrerebbe riflettere assai.
I tempi burocratici, innanzitutto: qui da noi, in primo luogo, sono di molto farraginosi e sono infiniti i passaggi autorizzatori.
Il che non incoraggia affatto  gli investitori.
Procedure infinite, spazi ridotti e lentezze burocratiche stanno alla base, così, del nostro brutto posizionamento: che ci vede -in Europa- rivestire il ruolo vicino al fanalino di coda.
Ma non è solo questo l’aspetto che questa nota vuole evidenziare.
Ve ne sono altri, altrettanto importanti di cui non si ragiona proprio per niente.
Abbiamo presenti quali siano quegli impianti che generano elettricità dal vento, ad esempio?
I cosiddetti “eolici” di fatto consistono su di grandi eliche poste al di sopra di altissimi pali metallici che creano non poche proiezioni visuali paesaggistiche e pure ambientali spettrali.
Allora, in Spagna -soprattutto al centro- esistono  lande sconfinate non di pianura a cui non verrebbe  praticato alcuno sfregio di sapore paesaggistico.
In Italia non è affatto così, tranne che per le lande appenniniche.
Vogliamo considerare quell’altra fonte rinnovabile: la “fotovoltaica” ?Rimanendo sullo schema di prima, abbiamo presenti quelle funeree lastre nere che vengono poste a terra o al di sopra dei tetti delle abitazioni?
Qui da noi esse potrebbero  sfregiare irreversibilmente la visione per storici monumenti e pure tanti scorci paesaggistici irripetibili: che sono la nostra vera “arma segreta” turistica, sparsi per ogni dove in una delle nazioni più ricche di arte e di storia nel mondo.  No.
Il fotovoltaico e l’eolico non fanno proprio per noi, soprattutto quando l’energia prodotta andrà stoccata in prossimità ai luoghi di generazione.
Allora, diciamolo con chiarezza una volta per tutte: né quella da fotovoltaico, né da eolico sono produzioni energetiche che fanno  per noi.
1024

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here