Inutile girarci intorno, abbiamo sbagliato ad immaginare che Draghi riuscisse da palazzo Chigi a fare lo stesso che fece dal palazzo Bce di Francoforte, come abbiamo sbagliato ad immaginare che non si sarebbe fatto condizionare dai comunisti e dai grillini come fu con la Merkel e con Weidmann.

Soprattutto abbiamo sbagliato a pensare che la Lega e Forza Italia in un governo di salvezza, chiesto a gran voce dal Presidente Mattarella, fossero in grado di porre alcune condizioni non negoziabili, finalmente liberali e attente al popolo d’Italia che fattura, produce e crea la ricchezza e il lavoro del paese.

Come se non bastasse abbiamo sbagliato a credere che con Draghi sarebbe cambiato il passo sui vaccini, sulle chiusure, sui soldi a favore delle imprese di ogni segmento, sugli immigrati irregolari, sulla spesa cattiva, sugli sprechi comunisti e clientelari, sugli enti inutili, sulle chiacchiere a vanvera dei ministri, degli scienziati, invece a quasi tre mesi di distanza siamo al palo.

Insomma lo ammettiamo abbiamo sbagliato e ce ne siamo accorti subito, il buongiorno si vede dal mattino, tanto è vero dalle prime battute, dalla conferma di Speranza, dai premi agli statali, dallapermanenza in tv come star dei consulenti a farsi guerra tra di loro a scapito dei cittadini impauriti e disorientati, si è capito come nulla fosse cambiato nella sostanza

Per farla breve comandavano i comunisti più grillini con Conte, econtinuano a comandare con Draghi, Lega e Forza Italia sono appendici, chi dice il contrario lo fa per non ammettere che a parti invertite, o la sinistra non sarebbe entrata oppure avrebbe preteso, ripetiamo preteso e ottenuto, provvedimenti di sinistra e in caso contrario avrebbe aizzato la piazza e i giornaloni amici.

Mentre la Lega e FI non solo non hanno ottenuto niente di liberalee che non fosse comunista, ma hanno fatto il gioco di sinistra,tanto è vero che la piazza stavolta ci ha pensato da sola a protestare, commercianti, ristoratori, partite iva, piccoliimprenditori, artigiani bottegai, liberi professionisti, insomma il mondo della serranda, che non ce la fa più perché non ha più lavoro, risorse, e non ha nessuno a sostenerlo visti i risultati.

Del resto scusate cosa ci si poteva aspettare dalla lega? Da un partito che assieme ai grillini aveva varato la manovra più statalista e assistenziale degli ultimi anni, quota 100 e reddito, da un partito che con bossi tradì Berlusconi alle spalle assieme ai comunisti e che in parlamento mostrava il cappio?

Cosa ci si poteva e potrebbe aspettare da questo movimento, per non parlare del suo leader e degli errori che ha fatto tanto che in un anno e mezzo dal 35 percento è sceso al 24, e scenderà ancora vista l’incapacità a farsi sentire, insomma povero cdx, povero pensiero di destra liberale come sei rappresentato male nelgoverno e nel paese, manca un vero leader e una vera cultura liberale moderna e antagonista alla sinistra.

Perché se è vero che a sinistra c’è la guerra, che nei grillini c’è battaglia, è vero che anche nel cdx c’è lotta e divisione, con la differenza che a sinistra seppure in guerra comandano e dispongono, mentre a destra litigano e basta e nell’esecutivo fanno fumo tanto e arrosto zero.

Ecco perché ieri esasperati e sfiniti, indemoniati giustamente dalla fame di incassi, di fatturato, di lavoro e di vissuto, furibondi per la presa in giro costante dei ristori e delle chiusure a partire dal governo Conte, i privati sono esplosi contro l’esecutivo dove siedono Lega e Forza Italia e questo è solo l’inizio di una stizza che ormai è montante, altroché statali coccolati e pace fiscale negata per via dei comunisti ipocriti, aguzzini di tasse e di libertà economica e sociale.

Cari amici qui non se ne esce, l’Italia è in ginocchio e la colpa oltre al covid, ha nomi e cognomi , un presente e un passato, eccoperché serve qualcosa di liberale, di meno statale, assistenziale, serve la cultura dello sviluppo, al sud poi non ne parliamo, della produzione della ricchezza e non della sua sottrazione, la cultura del lavoro produttivo e non di quello improduttivo, la cultura del consentito al posto del vietato, la cultura del fare anziché aspettare, quella dell’intrapresa e non della spesa elettorale e clientelare.

Quella cultura, al posto di quella comunista che ha mutato piùvolte simbolo e bandiera per imbrogliare i cittadini, non ha mai cambiato niente, era è rimasta e rimarrà, democratica e liberale e solidale, pluralista e antistatalista, più individualista che collettivista, era e rimarrà l’unica medicina per salvare e ripartire al posto di pietire, ecco perché diciamo caro centrodestra fatti sentire, annuncia qualcosa di destra moderna e liberale, altrimenti si sa finisce male.

Evviva la democrazia, abbasso il fascismo e abbasso il comunismo.

1589

2 COMMENTI

  1. Ciao Alfredo, hai pienamente ragione nelle tue sintesi, liberale e anticomunista ciò che servirebbe all’Italia. Però la realtà è un’altra e difficile da scardinare con le buone maniere “il Potere politico reale”. Il Capo dello Stato di sinistra (come i precedenti manco fosse scritto nella Costituzione) da Mani pulite completamente a Sinistra il CSM (uno Stato nello Stato) che nessuno può toccare, manco ad autodenunciarsi come ha fatto Palamara. L’ordine dei Giornalisti (esiste solo in Italia?) contro uno dei pochi Magistrati coraggiosi ma reo di aver fatto il proprio dovere contro il “traffico di esseri umani” intercettando una giornalista di Sinistra per arrivare allo scopo….Stesso “Ordine giornalisti si è rivolto persino a Mattarella per un suo intervento contro il Magistrato”, l’Ordine che non è mai intervenuto per casi di intercettazione ben più pesanti a carico di colleghi che scrivono su Giornali “considerati a Destra”, quindi presumo che questo Ordine sia collocato a Sinistra, si potrebbe andare ancora avanti lo sappiamo…., purtroppo le stanze dei “bottoni” sono saldamente occupate da queste forze. In questa grave situazione economica in Parlamento si vorrebbero far passare leggi insensate approfittando del dominio numerico a Sinistra, cosa che non ho capito dopo la sfiducia e la nascita del “Governo di unità Nazionale” che vorrebbe dire tutti sullo stesso piano ma di fatto comandano gli stessi di prima. Prima del 2023 la nascita di un nuovo Sindacato di Destra (abbiamo bisogno di essere incanalati e organizzati) e poi una proposta parlamentare per l’elezione del Presidente Della Repubblica da parte dei Cittadini nella stessa tornata elettiva, facendo fare a Mattarella il “sacrificio” di altri due anni causa Pandemia.? Sempre con le buone maniere che purtroppo ci contraddistinguono..!???

  2. Caro Alfredo, tutti abbiamo sperato che con il Governo Draghi si potesse cambiare passo, invece la situazione è sempre la stessa ed è cambiato molto poco rispetto a prima.
    Nessuno di noi ha considerato la variabile Mattarella che ha ideato questo governo per eliminare Conte e dare la parvenza di un Governo di salute pubblica, ma le componenti sono le stesse ed i rapporti di forza non sono minimamente cambiati; non solo Forza Italia e Lega non hanno potuto mettere condizioni non negoziabili, ma se ora passassero all’opposizione, sarebbero tutti più felici.
    Mattarella aveva bisogno di Forza Italia e Lega (avrebbe preferito solo Forza Italia) nel Governo, per garantirsi contro le rivolte sociali, che comunque ci sono lo stesso; la Lega ci mette del suo e cerca in tutti i modi di inimicarsi Fratelli d’Italia non volendo cedere la Presidenza del Copasir che per legge spetta all’opposizione e l’unico partito all’opposizione è Fratelli d’Italia. Ovviamente Mattarella, Fico e la Casellati fanno finta di non c’entrarci nulla, a loro importa solo che il CDX litighi e la Lega perda voti e consensi.
    Certo avremmo sperato in interventi draconiani su burocrazia, immigrazione, vaccini, spesa cattiva e clientelare, enti inutili, su esperti più esperti e meno ciarlieri, su interventi finalizzati alla crescita… invece non solo nulla di tutto questo, ma hanno aumentato la dotazione del reddito di cittadinanza, il socialista (meglio non usare altri termini) Brunetta assume 500.000 addetti alla PA in 5 anni e sono sempre una enormità; insomma sembra di essere nel solito governo di estrema sinistra, divisi tra Fratoianni, Speranza e di Maio, manca solo Rizzo.
    Purtroppo Salvini è più inaffidabile di Renzi, non scordiamoci il governo giallo verde, il tradimento di Bossi ed il voltafaccia con Bertolaso e non scordiamoci che la Carfagna e Brunetta erano tra quelli che volevano uscire da Forza Italia per appoggiare il Conte3.
    Purtroppo questo governo è riuscito solo a distruggere i già precari rapporti tra i vari partiti del CDX, come giustamente dici è un “Tutti contro tutti” e la sinistra ringrazia sentitamente. Purtroppo abbiamo potuto constatare che l’ennesimo Presidente della Repubblica eletto dai comunisti ha potuto ripagare il suo debito di riconoscenza verso le sinistre facendogli da ombrello contro ogni avversità e dando una mano a sgretolare l’apparente supremazia nei sondaggi del CDX.
    Tutto questo ovviamente anche grazie ai grillini che gli italiani stolti hanno mandato in Parlamento. Purtroppo dubito che questo possa essere di monito per chi andrà a votare, un caro abbraccio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here