Intervista a Claudio Gentile

“L’Italia deve tornare a essere una ‘potenza’ agroalimentare”

Secondo il co-segretario del Partito liberale italiano, sprechi e distorsioni dei mercati si possono ridurre ripartendo da un principio di umanesimo che, ultimamente, stava andando perduto in quanto valore educativo

Claudio Gentile, il Partito liberale italiano quale posizione ha nei riguardi delle tematiche ‘verdi’ e ambientaliste?

“Il Partito liberale italiano è stato tra le prime forze storicamente attente alle tematiche dell’ambiente, sin dal dopoguerra. Tra l’altro, in passato abbiamo avuto nostri esponenti, anche di punta, che hanno ricoperto il ruolo di ministro dell’Ambiente. Quindi, c’è un’assoluta attenzione da parte nostra, dato che siamo stati il primo Partito ‘verde’ della Storia italiana”.

Come si pone, oggi, il vostro Partito di fronte alla tematica dello spreco alimentare? Resusciterete la storica politica della ‘lesina’ di Quintino Sella?

“Riguardo allo spreco alimentare, è assolutamente chiaro che vi sia una sperequazione enorme fra nord e sud del mondo. Innanzitutto, riuscire a non sprecare risorse non è molto semplice da un punto di vista della gestione pubblica, di Stato o di nazione. In secondo luogo, è una sperequazione a cui non è facile mettere fine, perché una buona parte dello spreco discende, principalmente, da una questione di educazione. Per cui, diviene fondamentale affrontare il problema partendo dal versante privato, delle famiglie. E’ anche difficile riuscire a dirottare quel che avanza o quel che non viene destinato al consumo, verso quella parte della società che soffre il problema opposto, cioè la scarsità di beni, merci e derrate alimentari. La realtà è che si dovrebbe fare in modo che vi fosse una maggior attenzione verso le risorse che si hanno e su come le si utilizza. Per esempio, la questione delle ‘scadenze’ consentirebbe qualche margine di riutilizzo. Come dice un passo della Bibbia: “Te l’ho affidato perché niente vada perduto”. Ecco, io credo che quest’indicazione, anche se non voglio farne una questione religiosa, possieda un proprio fondamento economico. Quanto a Quintino Sella, che è il mio riferimento storico personale, spesso viene ricordato come colui che introdusse la tassa sul macinato, con l’obiettivo di raccogliere più fondi possibili per arrivare al pareggio di bilancio. Se pensiamo che, oggi, l’obiettivo non è più il pareggio di bilancio, ma la riduzione degli interessi sul debito, si può ben comprendere quanta strada in negativo sia stata fatta. In ogni caso, Quintino Sella appartiene a quella folta schiera di liberali che raggiungevano sempre gli obiettivi che si prefiggevano”.

Tuttavia, sembra essere proprio il mercato a produrre distorsioni, come nei casi di sovrapproduzione che generano, a loro volta, tonnellate di merce scartata, che finisce al macero: la dottrina liberale originale, quella di Adam Smith, era dunque incompleta?

“Il liberalismo è una filosofia composta da molte parti distinte e da dottrine diverse, che però hanno a che fare con la libertà del singolo individuo. Ovviamente, esso ha incontrato, in passato, qualche contraddizione che qui da noi, in particolare, è stata inevitabile, poiché dettata da alcune condizioni ‘de facto’. Erano liberali e sono stati molto a lungo liberali gli industriali del nord d’Italia; così com’erano ascrivibili a questa grande teoria di pensiero anche i grandi proprie-

tari terrieri del Mezzogiorno. E’ del tutto evidente che gli interessi degli uni e degli altri non potessero collimare al 100%, poiché c’era una differente visione, soprattutto tra quelle che erano le esigenze del mondo industriale del nord, rispetto al mondo terriero e rurale del sud e di buona parte del centro Italia. Inoltre, tornando a situazioni meno remote, i liberali, per costruzione mentale, sono ovviamente favorevoli al libero mercato. Ma bisogna dire che, a volte, il mercato si realizza anche in regimi che di liberale non hanno un bel niente, come quello di Augusto Pinochet in Cile o nella Cina ‘ex popolare’ di oggi, dove almeno un membro del governo siede in tutte le aziende cinesi e nei vari consigli di amministrazione. Quindi, stanno nascendo nuove forme di liberalizzazione piuttosto ‘ibride’, di facciata più che di sostanza. Rimane, indubbiamente, il problema delle merci in sovrapproduzione. E il fatto vero è che molte di queste avrebbero, indubbiamente, un significato importante, sotto il profilo dello spreco alimentare. Ma attenzione: non è il mercato inteso in senso generico a produrre certe distorsioni, bensì alcune ‘tipologie’ di mercato, come quelle ‘eterodirette’ da regimi autoritari di cui abbiamo detto, oppure composte da colossi multinazionali tendenti a ‘fare cartello’ e a impedire la libera concorrenza”.

Liberalismo come predisposizione alla selezione e al risparmio: è questo il

Foto di Kurt Bouda da Pixabay

‘versante’ su cui potreste ritrovarvi insieme alle culture ecologiste? E basterà per ridurre il divario tra nord e sud del mondo?

“Noi crediamo sia necessario che si ritrovi un poco di attenzione per quei beni che, spesso, vengono considerati nella nostra disponibilità in maniera automatica. Pensiamo, per esempio, ai nostri rubinetti che perdono, generando la dispersione di un bene fondamentale come l’acqua, senza renderci conto che c’è una parte del pianeta in cui, ancora oggi, essa non è affatto di largo consumo e, anzi, si deve fare qualche chilometro a piedi per riportarne a casa un secchio per le esigenze quotidiane. Sicuramente, verso tematiche come queste ci vuole più attenzione. Una sensibilità che non ha a che fare solamente col pensiero liberale, ma anche con una educazione verso un umanesimo che, forse, è andato perduto e che dovrebbe essere vissuto proprio in relazione a queste esigenze. Marco Pannella è stato, sostanzialmente, il ‘grande educatore’ del nostro Paese, su questi temi. Purtroppo, non essendo più tra noi, molti di questi suoi messaggi di sensibilità rischiano di andare perduti. E questa mancanza di memoria, di cultura e di sensibilità non è certamente una tendenza accettabile”.

Voi siete un Partito europeista, ma come dimostrato dai casi più recenti, molto spesso, di fronte alle grandi multinazionali, neanche l’Unione europea riesce a ottenere dei risultati che vadano oltre la logica del profitto: perché?

“Noi liberali siamo favorevoli a un metodo: quello della libera concorrenza e dello Stato ‘leggero’. Tale impostazione di principio è ciò che ci consente, oggi, di schierarci anche contro chi distorce il mercato, trascinando intere popolazioni nei guai. Il vero liberale rispetta il singolo individuo e tutto ciò che esso riesce a guadagnare attraverso il suo lavoro, la libertà d’iniziativa imprenditoriale e tante buone idee. Trovarsi di fronte a una curva di domanda ‘orizzontale’ – un’evenienza storicamente mai capitata o, addirittura, considerata puramente teorica negli esempi di ‘scuola’ – dovrebbe rappresentare un chiaro esempio della grande vittoria culturale del liberalismo. Ma se ciò non basta e si cercano extra-profitti, generando mercati paralleli o artificiali, allora si esce dall’alveo del liberalismo, diventando semplici ‘estorsori’. Il liberalismo non è una filosofia del ricatto, ma della valorizzazione del cittadino e del singolo individuo. In secondo luogo, non si spaccia l’oligopolio per neoliberismo: questo è l’ennesimo errore che sta dimostrando la grande approssimazione della nostra attuale classe politica, sempre più malata di improvvisazione. La vicenda della pandemia ci sta dettando esattamente questo messaggio: attenzione alle forze populiste e demagogiche, poiché esse si muovono per mero opportunismo, per convenienza momentanea, senza tener fede ad alcun principio o coordinata valoriale. Serve, invece, preparazione e competenza. Anche e soprattutto in politica”.

Fonte:
https://issuu.com/periodicoitalianomagazine/docs/pim61_marzo2021/s/12012929

96
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here