Finalmente si assapora maggiore libertà per le giornate sempre più estive, per il coprifuoco rinviato di un ora per gentile concessione e per le aperture dei ristoranti nelle ore serali. In giro si nota più leggerezza e spensieratezza nei volti della gente ma a volte ciò che vediamo è solo il riflesso di ciò che proviamo noi nell’hic et nunc. Ebbene si anche io con questi cambiamenti (sebbene piccoli) di orario del coprifuoco e di aperture di alcune attività come ristoranti e palestre (finalmente) mi ritrovo ad essere più euforica e propositiva e ciò mi permette di essere più attiva e positiva riguardo al futuro. L’incubo dello scorso autunno-inverno in pandemia è solo un brutto ricordo e si possono iniziare fare progetti per l’estate che arriverà a breve (anche se le temperature alte richiamano già alla stagione più calda dell’anno) e per l’autunno che in una città come Roma porterà un nuovo Sindaco che si spera sia meritevole di rappresentarla in pieno e come merita! Ad ora la Capitale più bella al mondo è ridotta così male che per il nuovo Sindaco sarà una impresa farla risorgere…non saprà da dove iniziare. Sporca, rotta, disorganizzata, senza servizi efficienti, con commercianti incavolati neri per le chiusure prolungate delle proprie attività, senza illuminazioni sufficienti, con micro e macro criminalità in aumento e di tutto e di più. Difficile trovare una giustificazione a tutto questo e impensabile rimanere inermi al degrado che imperversa in tutti i municipi capitolini partendo dal centro arrivando alle periferie. Un vero disagio nel disagio. Caos nel caos. Quando si subiscono ingiustizie e i diritti e doveri non combaciano si reagisce con una azione che porta al cambiamento oppure ci si chiude in se stessi accettando tutto quello che avviene e senza fiatare. Credo che i romani stiano iniziando a riflettere sulla possibilità di riportare la Capitale alla bellezza originaria e che la voglia di sopportare sia finita. Traspare tra le parole della gente il bisogno di un grande cambiamento e la speranza di una rinascita e ci si auspica che afine ottobre terminate le elezioni amministrative, si possa ricominciare ad avere una città bella, funzionale, illuminata, con servizi efficienti, pulita, con strade percorribili, aree verdi strutturate, un ottimo biglietto da visita per migliaia di turisti che sognano di visitare  nel dopo Covid la nostra Italia e l’unicità della Capitale… C’è bisogno di rinnovamento e di ordine in particolar modo ora dopo un anno di restrizioni e di privazioni….Raggiungere un equilibrio ripristinando principalmente il proprio habitat garantisce beneficio all’umore ma in particolare ad anema e core.

451
CONDIVIDI