Adesso vi sarà chiaro il motivo per cui il cdx perderà a Roma, perché la parte che sta al governo non conta niente, perché alla fine perderà pure le elezioni politiche del 2023 o 22 se si dovesse anticipare, del resto sulla capitale quello che succede oggi è peggiore di quello che successe con Marchini.

Il centrodestra è l’unico cartello per il quale l’esperienza non insegna niente anzi insegna al contrario, così come è l’unico raggruppamento incapace di copiare, di replicare ciò che tutti i giorni da anni ha sotto gli occhi, parliamo del comportamento delle sinistre, dai comunisti, ai cattocomunisti ai grillini.

Basterebbe pensare infatti che a parti invertite in una situazione come quella del 2019 dopo la crisi di Salvini, si sarebbero sciolte le camere di sicuro per andare dritti al voto, non ci sarebbero state le scuse fumose dei numeri in parlamento se fossero arrivati coi voti di centrodestra al posto di quelli della sinistra.

Insomma il Conte bis, il più di sinistra della storia, quello coi grillini che non sarebbero adatti nemmeno a pulire i cessi di Mediaset, per dirla con Berlusconi che prima dichiara e poi ci governa assieme, per farla breve quel governo a parti invertite non sarebbe mai nato, col cdx un ‘ipocrisia tanto sfacciata non avrebbe avuto alcuna possibilità.

Invece la sinistra che è molto più brava è riuscita ad imbrogliare tutti improvvisando l’amore coi 5 stelle, e ricambiata, ha messo in piedi l’esecutivo più comunista e ipocrita della storia che col covid non solo ha sbagliato e fatto danni, basterebbe pensare ad Arcuri, ma ha bruciato 170 miliardi pubblici senza che nessuno dicesse nulla, se l’avesse fatto il cdx ci saremmo ritrovati l’esercito per strada.

Ecco perché diciamo che Salvini Meloni e Berlusconi non sanno copiare, tanto è vero che quando il Cavaliere ha governato mica ha riempito di pretoriani la magistratura, la rai, l’Inps e così via, anzi, dopodiché il caso “Palamara”, ha fatto capire perché alla sinistra sia concesso tutto senza che nessuno dica nulla.

Pensate cosa sarebbe accaduto se il caso “Palamara” avesse riguardato la destra, se l’Europa avesse condannato la destra per i processi al leader della sinistra, se lo scandalo delle mascherine, gli sbagli di Arcuri, l’arroganza di Casalino coi giornalisti fosse stata con un governo di cdx, inutile dire che sarebbe scoppiata la rivolta anche col covid, i comunisti pur di cacciare il cdx sarebbero stati capaci di mettere le mascherine ai carri armati.

Del resto gli eredi di quel criminale di Togliatti di carri armati se ne intendono, basterebbe pensare all’Ungheria, a Praga, A Tienanmen, più di recente ad Hong Kong, Caracas, insomma ovunque ci sia il comunismo i cui eredi, quelli del PCI pds ds pd si definiscono liberali.

Incredibile ma vero, discendono da una dottrina applicata sanguinaria, illiberale, criminale, con un capo che osannavano come Migliore e dopo aver spudoratamente cambiato più volte nome, simbolo e bandiera, oggi vengono a farci lezioni di libertà e democrazia, ma che razza di paese siamo?

Ecco perché bisognerebbe copiare la loro scaltrezza diabolica, i comunisti negli anni sono stati capaci di passare indenni la cortina di ferro, il muro di Berlino, gli eccidi di Cuba ai dissidenti, il brigatismo rosso, tangentopoli, e si sono riciclati liberali e democratici, pensate che forza pervasiva nel paese

Ebbene se a tanta diavoleria, ipocrisia, si contrappone addirittura la divisione, l’indecisione, a volte la complicità e l’incapacità, come sta accadendo a Roma, la partita è persa in partenza, parliamoci chiaro i nomi dei candidati di centrodestra che girano per la capitale sono talmente inediti da essere sconosciuti.

A Roma per vincere al primo turno serviva candidare dall’inizio o Bertolaso oppure la Meloni ancora meglio, ma il primo è stato scelleratamente osteggiato, la seconda non ha avuto il coraggio di scendere in campo nella sua città, dove è nata, cresciuta e si è affermata politicamente, uno sbaglio grave che peserà eccome nel cv di Giorgia.

Fare la sindaca di Roma dopo la rovina della giunta Raggi, le avrebbe messo un turbo colossale per il futuro visto che è giovane e può permetterselo, presentarsi al Paese dopo un’esperienza come sindaca della capitale le avrebbe davvero aperto le porte al premierato in caso di vittoria alle politiche.

Rinunciare è una pessima ritirata politica rispetto alle urgenze estreme della città, un errore ancora più grave perché si è silurato pure Bertolaso, col risultato che vincerà la sinistra mentre con facilità avrebbe potuto vincere il centrodestra se fosse stato furbo così come riesce a fare il centrosinistra quando serve, a Roma al secondo turno metteranno assieme il diavolo e la croce come solo loro sono capaci di fare.

Ecco perché peggio che andar di notte, ecco perché il pd governa anche quando perde, ecco perché gli italiani votano i grillini, perché a Roma hanno la faccia tosta di ripresentare la Raggi, ecco perché si è fatto il governo giallorosso e quello Draghi in cui lega e forza Italia non contano, perché nella capitale e forse alle politiche per il cdx sarà sconfitta, speriamo di sbagliare, anzi ce lo auguriamo.

Evviva la libertà, la democrazia, la solidarietà e il pluralismo, evviva lo stato di diritto, abbasso il fascismo e abbasso il comunismo.

1199

2 COMMENTI

  1. Caro Alfredo, come al solito siamo sulla stessa linea, fatto salvo il fatto che il CDX al Governo conti poco o nulla.
    Mi spiego: se Forza Italia e Lega non fossero andati al Governo dopo una chiamata alle armi di Mattarella per un Governo di unità nazionale in grado di ottenere i milioni dalla UE, gli italiani non lo avrebbero capito e li avrebbero bollati come antitaliani, ovviamente con l’aiuto dei media comunisti.
    Certamente in un Governo dove comunisti e grillini hanno la maggioranza, non possono comandare e tanto meno imporsi, ma possono far sentire la loro voce e non è poco perché la Meloni che è rimasta all’opposizione è vero che guadagna voti da Lega e Forza Italia, ma è anche vero che non è neppure ascoltata. Basta guardare il caso Copasir, in altra situazione il Capo dello Stato sarebbe già intervenuto.
    E veniamo al Centro Destra, che ovviamente con impara dai propri errori e non riesce neppure a copiare le cose buone degli avversari.
    Purtroppo il CDX con l’allontanamento volontario di Berlusconi dalla politica per ragioni di età, di salute, di stanchezza, di guerra continua con la magistratura politicizzata, il CDX si è sfaldato con due capetti che pur essendo molto bravi a raccogliere consensi, camminano su strade e binari diversi, sono in perenne concorrenza tra loro e si fanno dispettucci come i bambini all’asilo. Non parliamo di Forza Italia che si alleerebbe con chiunque pur di avere una poltrona; Gelmini, Carfagna, Brunetta ormai sono decisamente governativi, Tajani un brav’uomo che non è assolutamente all’altezza di condurre un partito e gli altri vivacchiano. Mi sanno tanto di vecchia DC baciapile, ma pronta ad allearsi anche con i comunisti pur di dimostrare di esserci.
    Sicuramente ed è tanto che lo diciamo, in questa situazione perderemo Roma, Milano, Torino, ma soprattutto perderemo le politiche. Alle amministrative si combatte su due turni ed il CDX non ha personaggi in grado di vincere al primo turno, forse Bertolaso e la Meloni ce l’avrebbero potuta fare, ma come dici te, uno lo hanno disgustato con il loro modo di fare e l’altra non ha avuto il coraggio di presentarsi e lasciare il partito in mano ad altri. Se si lascia il tempo ai comunisti ed ai grillini di arrivare al secondo turno, non c’è speranza di potercela fare, consideriamo che una volta la Chiesa era spostata a destra: “Ricordati che nell’urna Stalin non ti vede, ma Dio si”, oggi hanno un papa comunista e preti e suore che per non essere da meno, sembrano usciti dai centri sociali.
    Purtroppo il CDX non solo non è capace di copiare la scaltrezza diabolica della sinistra, ma non è neppure capace di presentarsi alle consultazioni unito, granitico, determinato e deciso; hanno bisogno di decine di incontri per trovare i candidati, salvo poi denigrarli se non sono della propria coalizione, sembra che si vogliano suicidare in massa.
    Sia Salvini, sia la Meloni non hanno il carisma di un Leader, non riescono ad interpretare il presente guardando al futuro come deve saper fare un Leader, non sanno fare sintesi come deve saper fare un Leader, non sanno amalgamare le varie opinioni come deve saper fare un Leader, insomma sono dei bravissimi capipopolo, ma non sono dei Leader ed il CDX senza un Leader sarà sempre destinato a soccombere alla sinistra che è sicuramente meno forte, ma molto più organizzata, meno diffusa, ma più radicata, meno corretta, ma più cinica, meno onesta, ma più efficace e soprattutto quando è il momento vanno a votare e fanno quadrato come le Legioni romane.
    Spero ardentemente di essere smentito dai fatti, ma la situazione non è certo delle migliori. Un caro abbraccio

  2. La sintesi dell’articolo l’ho sintetizzata su fb qualche mese fa: è così, perchè la sn, da sempre, ha ‘piazzato’ nei gangli del potwere sempre e solo i ‘suoi’!! Alla destra non è stato permesso NULLA!! Con l’appoggio benevolo della Merkel, fino ad obbligare – attraverso l’arma dello spread, che solo gli intellettualmente disonesti non riconoscono – alle dimissioni SB!!! Un’Italietta che è ben rappresentata da jus so.Letta!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here