“Pochi, maledetti e subito”.
Narrano che siano state proprio queste le  parole che Giorgia Meloni avrebbe urlato ad alcuni intimi al culmine di un alterco che ci sarebbe stato nella sala riservata di un oscuro ristorante di borgata romano.
Sì, perché a Roma è certa la sconfitta: ma almeno quel 20% che si porterà a casa certo Michetti avrà il marchio doc.”destra-destra” che proprio in Giorgia ha il suo leader europeo supremo.
Una sorta di capitalizzazione della sconfitta é la condanna che pure la LegaSalvini e Forza Italia devono sopportare: transitando carponi sotto il giogo che la giovane leader della destra estrema (una volta la chiamavano fascista) finirà con l’imporre a tutti.
Quando non si hanno ambizioni di governo puó anche  capitare che proprio questo avvenga nel pieno del sistema maggioritario.
Però una tale vicenda dovrebbe pur rappresentare anche la “prova del nove” per la coalizione opposta alle sinistre: che una decisione alfine dovrebbe pur assumere.
Ancora una volta finiscono per esplicitarsi le due anime che, forzatamente, si trovano pure  a convivere sotto lo stesso tetto.
Perché é ormai chiaro a tutti che questa non è affatto la coalizione che vinse le elezioni del 1994.
Perché la destra estrema finisce per opzionare in solitaria -a Roma e non solo- su tutto e su tutti.
A dimostrazione che non è in quella direzione che un liberale democratico possa guardare.
Dicono che la Capitale sia da sempre il laboratorio politico che anticipa gli accadimenti nazionali.
Così fu con Fini e Berlusconi.
La testardaggine con cui Giorgia Meloni sta insistendo su di un oscuro nome, sconosciuto ai più, abbinata alla indiscrezione che vi abbiamo or ora anticipato, ci rende sempre più convinti di una tesi che balenava per  le nostre menti. Perché la caparbietà con cui la leader di destra insiste nel voler imporre un proprio oscuro nome è la conferma della voce che ci è giunta in via riservata.
Bruciamo la fonte… non importa.
A Giorgia basta il 20% che sia  pur timbrato “Meloni.doc”.
1709

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here