Al netto della confusione sulla scelta finale, coalizione federata? Federata solo in parte? Partito unico con tutti dentro? Partito unico tranne i cespugli? Insomma al netto di quello che aspettiamo di sapere del centrodestra visto che ogni giorno sul tema si cambia idea, quello che vorremmo conoscere è il progetto politico antagonista al centrosinistra comunista, cattocomunista e grillino.

Quello che infatti non torna nel centrodestra è che per un verso si rivendichi la posizione alternativa alla sinistra e per l’altro ci si vada a braccetto e da subalterni, perché al governo nonostante la presenza della lega e forza Italia, la linea politica è di sinistra e basta.

Insomma in 4 mesi col governo Draghi non abbiamo visto un solo provvedimento di centrodestra, parliamo del fisco, dell’immigrazione, dei blocchi sugli sfratti e sui licenziamenti, dell’emergenza nazionale prolungata, delle semplificazioni, dello sblocco dei cantieri per i quali si è assistito solo alla nomina di altri commissari.

Perché sia chiaro in Italia anziché tagliare e mandare al macero le leggi che bloccano tutto e creano la burocrazia che impedisce lavori e cantieri, si nominano commissari per questo e quello, col risultato di spendere altri soldi pubblici in compensi e stipendi per gli amici degli amici nominati e incaricati.

Ecco perché scriviamo che la presenza del centrodestra al governo è virtuale, anzi peggio, perché le decisioni incomprensibili per gli elettori di centrodestra vengono proprio dai ministri di lega o forza Italia, pensate all’imbarcata di statali voluta da Brunetta, alla presa in giro sulle cartelle fiscali annullate fino al 2010, alla condivisione sul green pass che sarà oltreché discriminante una complicazione da ricorso in tribunale.

Infatti per avere il certificato in modo semplice e veloce, avete letto bene, IN MODO SEMPLICE E VELOCE, bisogna, collegarsi on line con un indirizzo ad hoc, il digitale green certificate, fornire tutta una serie di dati per ottenere in risposta un sms oppure una mail che vi fornirà un codice da utilizzare assieme al numero della tessera sanitaria e allo spid ( che per averlo è un ulteriore impazzimento), per richiedere il QR da memorizzare o stampare e tenere, allo scopo di  superare i controlli covid  richiesti, una SEMPLICITA’ TERRIFICANTE NON VI PARE?

Ovviamente tutto ciò non sarà permanente ma durerà una manciata di mesi ,6 in caso di guarigione, 9 col vaccino, dopodiché si riparte da zero, insomma una semplificazione da presa in giro, eppure il cdx di governo non protesta per chiedere davvero di semplificare.

Anzi lega e forza Italia non fanno che applaudire a quello che succede nell’esecutivo e che segue chiaramente una linea comunista, cattocomunista e grillina, pensate agli sbarchi per esempio, alle cartelle fiscali a decine di milioni spedite solo perché lo vogliono i giallorossi, pensate al caos sui vaccini che si è creato senza che nessuno alzasse un dito.

Insomma vi pare normale ascoltare quello che ascoltiamo tutti i giorni sulle dosi, le percentuali di affidabilità, sugli infusi di più vaccini, sul numero dei richiami, ma scusate quando mai la storia dei vaccini è stata così come questa? Quando mai in passato i vaccini hanno creato questa confusione nella comunità scientifica e nella popolazione?  negli ultimi decenni ci siamo giustamente vaccinati contro tanti virus ma senza problemi, polemiche, timori, dubbi e soprattutto senza paura di conseguenze, dunque come mai col covid e i suoi vaccini accade di tutto?

Ecco perché diciamo che dal centrodestra di governo ci saremmo aspettati una presa di posizione sulla materia, perché il problema non era solo quello di sostituire Arcuri con uno più bravo e più capace, insomma chiunque rispetto ad Arcuri lo sarebbe stato, il problema vero era ed è quello di infondere fiducia, chiarezza, sicurezza su tutto il tema dei vaccini e sulla materia vaccinale.

Al contrario invece non solo siamo nella confusione e divisione tra regioni, scienziati, comunità, ma si stanno creando discriminazioni e complicazioni sul green pass e tutta una serie di adempimenti burocratici informatici per vivere una vita che fino ieri era normale mentre ora è diventata lunare, nel silenzio generale a partire dal centrodestra che al governo sembra solo una bella statuina.

Ecco perché vorremmo che prima delle chiacchiere sul partito unico i leader ci parlassero del progetto politico e culturale, insomma chi è il cdx? Quale idee rappresenta? Quale linea sposa? Che pensa dell’emergenza nazionale?  della posizione in Europa? Del fisco e della limitazione dei contanti? Dell’, immigrazione, lavoro e giustizia, pubblica amministrazione? Perché sia chiaro da quello che si vede oggi sembra che lega e forza Italia siano partiti di centrosinistra, non vi pare?

Del resto sia Salvini che Berlusconi non fanno altro che condividere ogni scelta dell’esecutivo che è guidato dai comunisti, cattocomunisti e dai grillini, più che un governo di salvezza nazionale sembra un governo di sinistra e basta.

Cari Salvini, Meloni, Berlusconi, bisogna distinguersi bene e stare alla larga dai comunisti, cattocomunisti e dai grillini e non starci assieme e farsi comandare, bisogna creare un programma politico chiaro anticomunista e anti cattocomunista e grillino, il contrario di quel che sta accadendo, fateci sapere.

Evviva l’Italia, la libertà, la democrazia e il pensiero liberale e solidale, abbasso il fascismo e abbasso il comunismo.

1354

1 COMMENTO

  1. Caro Alfredo, che la coalizione del CDX si voglia trasformare in una federazione, creando un unico gruppo parlamentare con due soli portavoce, è cosa buona, particolarmente in un Parlamento che sarò molto piccolo, con numeri frammentati.
    Una edizione del PDL rivista e corretta che comprenda tutti, dai partiti ai cespugli, anche i più piccoli; l’ideale sarebbe riuscire a ricreare una federazione, sulla falsariga del partito Repubblicano americano.
    Ovviamente al suo interno ci saranno opinioni diverse, visioni diverse, anche valori diversi, ma poi sarà il Leader del movimento a trovare di volta in volta la sintesi. L’importante è marciare compatti contro comunisti, cattocomunisti, grillini.
    Per poter fare una cosa del genere è necessario che ogni partito del CDX metta per iscritto il suo programma di lavoro per il prossimo decennio, con argomenti, date, modalità, cause ed effetti. Poi ci sarà un comitato che troverà il modo di elaborare un documento comune che sarà la Bibbia della federazione. Ovviamente ognuno dovrà saper rinunciare a qualcosa, dovrà poter rimandare a tempi migliori alcune cose ed eliminarne altre, insomma dovranno trovare dei compromessi.
    Certo non sarebbe una cosa facile, né veloce, ma potrebbe essere l’argine al comunismo, al qualunquismo, al grillismo, per svariati anni a venire.
    Che ora il CDX al Governo appaia poco o nulla è più che comprensibile: non ha i numeri! Ma comunque riesce a contenere le stronzate quotidiane del PD o del M5S. Fa poco, ma serve molto.
    Invece sarebbe molto importante guardare un poco più avanti e decidere di fare un gruppo unico nel Parlamento europeo ed in quello itakliano e sicuramente questo ci aiuterebbe a far passare meno leggi sfavorevoli all’Italia, stabilire una ferma linea economica da tenere, i confini della linea politica da mandare avanti, stabilire una visione futura del nostro mondo (cosa vogliamo far fare ai nostri figli, come li vogliamo far studiare, come vogliamo affrontare il passato, in che mondo vogliamo vivere, quali dovranno essere i limiti…), vogliamo una PA fatta da persone soddisfatte, ben pagate, competenti, rapide ed efficienti, oppure vogliamo creare un manipolo di assistiti, svogliati, frustrati, insoddisfatti, ma con il lavoro sicuro? Vogliamo continuare a tenere in piedi migliaia di Enti inutili, mangimifici, enti in perdita cronica, vogliamo che i piani industriali siano definiti dai sindacati o dai proprietari? O lo Stato, le Regioni, le provincie, i Comuni devono gestire solo aziende più o meno prestigiose. Ma tutte in forte utile?
    Sono tantissime le cose da decidere in un programma di CDX, l’importante è che siano realistiche, fattibili, utili e rapide, saranno poi gli elettori a scegliere di chi fidarsi, su chi puntare, a chi affidare la propria vita per il prossimo quinquennio.
    Un caro abbraccio

Comments are closed.