Giornate invernali sempre più fredde, il Natale che si avvicina ed il decreto del super green pass che ha introdotto in Italia il famoso certificato verde rafforzato in vigore dal 6 dicembre sino al prossimo 15 gennaio2022.

Dal 2020 ne abbiamo viste di ogni, grandi e piccoli cambiamenti tutti relativi alla pandemia che ci hanno portato a limitarci nella libertà personale e di movimento e che non sono riusciti a debellare il grande virus nonostante i molti vaccinati e le misure di sicurezza attuate.

Sembra un viaggio ormai senza ritorno, un tunnel buio che porta insicurezza e interrogativi.

Riusciremo ad uscirne? Quando potremo consideraci fuori pericolo e liberi di tornare alla nostra quotidianità?Quando potremo tornare ad essere spensierati e senza la paura di fare incontri ravvicinati con il Covid che può condurci a grande sofferenza e alla morte?

Tante sono le domande che ci poniamo e a cui sembriamo non ottenere risposta nonostante i grandi scienziati che solo in Italia sono centinaia.

Di certo il Covid oltre ad aver privato molti di salutefisica sta portando molte centinaia di persone adinstabilità psichica per ansia ed incertezza verso il presente ed il futuro.

Ancora sono molti coloro che rifiutano di fare le dosi di vaccino e questo ovviamente riduce a loro la libertà per via del non possesso del green pass super.

Il tampone negativo valido per le 48 ore ossia il green pass base è valido per andare al lavoro ma per non per accedere a ristoranti, cinema, teatri, palestre, alberghietc.

Ergo, chi non ha il certificato verde rafforzato ha solo doveri e non piaceri o si vaccina oppure si accontenta..

Chi si accontenta gode dice un noto proverbio, ma una famosa pubblicità del passato diceva che chi si accontentava…godeva solo a metà.

De gustibus non est disputandum

A Voi la scelta…

390
CONDIVIDI