L’Italia ha deciso, si farà un mini-obbligo vaccinale: oltre i 60 anni e per categorie di lavoratori.

Intanto nel mondo si procede a tentoni: la “bestia” ringrazia, perché continuerà a rifocillarsi con carne umana.

Un concetto deve essere messo in chiaro, anche dal PLI.

 

Il valore della salute pubblica alla fine vince e finisce per prevalere pure sulle logiche multimilionarie che supportano le Federazioni sportive.

La notizia dello stop al tennista n.1 del mondo, un baldo guascone che non ha mai esitato a fare bella mostra della strafottenza che lo rende immune…alle vaccinazioni, anche organizzando incontri e tornei “light” tra amici, non ci ha stupito più di tanto, considerata la equivoca statura morale del personaggio.

Lunedì deciderà un Tribunale: anche se la questione NON è affatto giuridica.

È di MORALITÀ CIVICA. Punto.

 

Il tennista alla fine verrà messo di fronte a una libera scelta, anche perché ha creato così tanto fracasso che dovrà pure farlo per continuare a mettersi in tasca milioni e milioni: infatti giornali, TG e social, sono stracolmi di notizie che rimbalzano per ogni dove.

Finora -in quella grande isola- sembrava impossibile che un barlume di responsabilità potesse contrastare i milioni, gli sponsor e gli apparati pubblicitari che gravitano sui campi da tennis.

Ove fossimo stati in presenza di uno atleta con il minimo senso di responsabilità per la alta figura rappresentativa che egli pure riveste, il Nostro si sarebbe comportato in maniera tutt’affatto diversa: magari non rendendo così palese la scelta anarchica, come gli ha ricordato Nadal.

Invece Djocovic è stato messo a forza in una gabbia in modo legittimo pure lui; in più perdendo quel poco di credibilità che pure si era conquistato sui campi.

Egli dovrà provare e giustificare le motivazioni per cui non vuole -o non può- vaccinarsi; o perché, essendo già stato toccato dal covid, si considera invincibile. Serviva un’isola in capo al mondo per dimostrarlo e un guascone plurimilionario per esemplificarlo? W Australia…e abbasso Djokovic.

1428
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. Oggi “finalmente” c’è stata l’ammissione di aver contratto il covid a dicembre.
    Una questione che verrà approfondita in Tribunale.
    Sante Perticaro

  2. (2) In quei giorni ha partecipato a più eventi pubblici. Appurare la verità è fondamentale. Se venisse scoperto che ha mentito ci vorrebbe una squalifica esemplare, anche se avessero mentito i suoi legali (?)

Comments are closed.