Dopo giorni di riflessioni, discussioni, opinioni, dichiarazioni, annunci, smentite etc….habemus finalmente il “nuovo” Presidente!

Togliamo “nuovo” e diciamo che è stato rinominato il Presidente Sergio Mattarella che aveva tutt’altro che l’intenzione di riessere il Presidente della Repubblica italiana per altri 7 anni.

Ma il fato ha deciso per lui ed il suo impegno politico istituzionale deve continuare…

Di nomi interessanti in lizza per il prestigioso ruolo, ce ne erano diversi, in particolare tra i nomi in rosa in primis a parer mio Elisabetta Casellati donna capace, seria, elegante, istituzionale e con molta esperienza politica sul campo oltre che l’età biologica perfetta per intraprendere un cammino cosi impegnativo per il bene del Paese.

Era l’ora di avere una donna al vertice più alto anche perché da anni si parla di parità di genere ma a me sembra che vi siano ancora molte diversità per sesso e che la donna in Italia debba ancora sudare molte più camice dell’uomo per imporsi professionalmente ed economicamente.

Di donne valide, preparate, capaci e tenaci nel Bel Paese ve ne sono tante ma la salita sembra sempre più faticosa quando non si è uomini.

Dove sono la solidarietà, la meritocrazia, la democrazia?

Probabilmente all’uomo interessa mantenere il potere e preferisce ancora vedere la donna sottomessa al suo volere. Elementare, Watson!

Celebre una frase di Rita Levi Montalcini:

“ Le donne hanno sempre dovuto lottare doppiamente. Hanno sempre dovuto portare due pesi, quello privato e quello sociale. Le donne sono la colonna vertebrale della società ”.

Penso che il genere maschile non possegga talenti superiori al genere femminile ma forse più tempo (da sempre) da dedicare agli obbiettivi individuali perché non impegnato in altri ruoli come quelli domestici e famigliari sempre e da sempre sulle spalle delle donne…

Ma credo sia giunto il momento di cambiare e di dare spazio alla donna.

Forse tra sette anni avremo finalmente un Presidente della Repubblica in rosa?

Speriamo!!

379
CONDIVIDI