Gli uomini che si dedicano all’attività politica dovrebbero avere antenne più sensibili di altri e soprattutto capaci di captare i cambiamenti di umore della gente. Se l’astensionismo alle votazioni elettorali cresce, la colpa non è degli elettori che non vanno alle urne ma delle forze politiche che non hanno saputo cogliere i desiderata di gente che ormai non ha più voce nel sistema mass-mediatico, che non legge più nemmeno i giornali e che chiude la Tv per non assistere ai sonnolenti talk-showdi tutte le reti, private e pubblica, nessunaesclusa.

E’ gente che non ha amato Mario Draghi per i suoi Isussulti bellicosi, che taluno ha considerato “ all’unisono” con i banchieri che, in Occidente (Vecchio e Nuovo Continente) alimentano l’industria delle armi, ma non può condividere neppure i medesimi moti dell’animo volti al conflitto armato della sua principale avversaria, Giorgia Meloni, guerrafondaia dell’opposizione. 

E’ gente che non ama il servilismo delle forze politiche italiane verso Joe Biden ma che non condivide neppure il plauso di Donald Trump alla Corte Suprema americana sul tema dell’aborto che considera una conquista di civiltà e  che ritiene che un Paese con alle spalle il mondo greco-romano non può osannare ai discendenti dei cercatori di auree pipite e di petrolio, “liberatori” del suolo americano dalla presenza degli degli indiani aborigeni.

E’ gente che ha sofferto o ha letto di sofferenze per gli orrori della seconda guerramondiale,  conclusasi con le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e su Nagasaki e dopo  le distruzioni di meravigliose città italiane, rase al suolo dalle bombe   sganciate dalle fortezze volanti americane a causa  dell’insana sfida di un fascista impazzito e fiducioso nella potenza dei nazisti tedeschi,  sicuro di poter sconfiggere il colosso anglo-americano,  e che non vuole, quindi, seguire le tristi vicende di un comico (probabilmente non più saggio del maestro elementare di Predappio) nello sfidare il gigante russo, fiducioso nel sostegno degli Statunitensi in consueta funzione sobillatoria  di  guerre lontane dai suoi atlantici confini.

E’ gente che ha letto e visto serie televisive sul declino spaventoso della Svezia per le sue numerose forme di reddito elargite a scansafatiche e a nulla-facenti e per l’immigrazione selvaggia permessa dai governi di quel Paese e che non vuole seguire ex venditori ambulanti e sociologi da strapazzo nella folle corsa verso l’autodistruzione della forza lavoro del proprio Paese.

E’ gente che non ama andare a votare per eleggere rappresentanti del popolo e membri di governo che dipendono dalle decisioni sostanziali di due vicerè di Wall Street e della City, posti ai vertici di un’Unione Europea che non ha nulla di democratico , di autonomo e di indipendente.

E’ gente che vorrebbe una riforma della giustizia in Italia che non consista nei soliti pannicelli caldi (tali sono quelli fin qui escogitati) che riconduca i giudici sotto la legge, come gli altri due poteri dello Stato, e i pubblici accusatori nei gangli della pubblica amministrazione, sottratta alle ipoteche politiche volute dal Re Sole, dal suo Ministro Colbert e condvise da Napoleone, da Mussolini e dagli antifascisti italiani del secondo dopoguerra mondiale.

E’ gente che vorrebbe vedere restaurata la dignità laica di uno Stato che non è più quello Pontificio, che è stanco di assistere alle improvvisazioni dei suoi vertici o concionanti lungo le coste italiane per invitare gli scafisti a proseguire nella loro opera di corruzione e di auto-arricchimento o arrampicandosi come acrobati in veste talare sulle pareti di edifici dello Stato  per dare elettricità ai suoi occupanti abusivi e che è altrettanto arcistufa di leader politici che senza nessun rispetto per la “a-religiosità” di tanti cittadini non credenti scendono in piazza stringendo nelle mani corone del rosario.

E’ gente, inoltre, che è stanca di essere ritenuta “minus habens” cui va sottratto con tutti gli artifici possibili il diritto di voto con la scusa di un “Annibale” che è costantemente alle italiche porte!

E’ gente, infine, che vorrebbe riconoscere l’esistenza di un coraggio a trecentosessanta gradi  in quegli uomini politici che accusano il popolo di mancanza di coraggio se non va a votare.

Modesta proposta per prevenire: Perché una legge non impone di ripetere le elezioni, considerandole nulle, se il numero dei NO chiaramente scritto sulle schede superi una carta percentuale?

96
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here