Erano saliti al potere, come novelli sanculotti, al grido: “apriamo il parlamento come una scatoletta di tonno”, avevano così raccolto il diffuso malcontento di un popolo italiano che accoglie sempre con entusiasmo i Masaniello di turno.
Sono riusciti a fare approvare la riforma più populista, quella di ridurre il numero di parlamentari e senatori di un terzo, cosa di cui oggi tutti si pentono, con un pianto greco.
Nel frattempo la loro impareggiabile fame di potere e denari li ha spinti ad impadronirsi del sistema, divenendone alla fine invischiati, collusi, tradendo il loro spirito rivoluzionario.
Come Masaniello, in realtà lui fece una fine ben peggiore, il popolo li ha abbandonati, facendo passare il loro potenziale elettorale da oltre il 30% ad appena, in realtà mi auguro ben inferiore, il 10%.
Si sono divisi, spaccati nel tempo, per la brama dei singoli soggetti politici, di avere un proprio posto al sole.

Ad iniziare da Paragone con Italexit ed ora con Di Maio ed il suo Insieme per il futuro, entrato con il suo piccolo feudo nell’area di influenza del PD.
Dopo aver ridotto il numero di parlamentari ora pretendono di salvare la poltrona imbarcandosi nel carrozzone di Letta, che ha già accolto diversi ex stellati, addirittura l’ex ministra Azzolina, quella dei banchi a rotelle.
Un PD che accoglie e da posti sicuri a tutti i leader di movimenti inconsistenti creando al proprio interno un accozzaglia di posizioni diverse che deflagreranno immediatamente subito dopo le elezioni.

Ed allora?

Allora occorre sicuramente fare pulizia, con il voto, di tutti questi piccoli partitini che minano la governabilità del paese. Partitini che difendono idee minoritarie, quasi del singolo capobastone che detiene il simbolo.
Non è assolutamente più sopportabile un paese, il nostro, che ha un sistema politico da medioevo, dove esistono vassalli e valvassori, capaci di minare l’autorevolezza di partiti che esprimono (quando lo esprimono) la volontà di milioni di cittadini.
Ecco perché è importante che il centro destra esca da queste elezioni con un ampia maggioranza, così ampia da cancellare tutte le velleità di questi politici che hanno un solo scopo, non il bene del paese ma la perpetrazione del proprio potere personale.

Un voto per cancellare i vari Masaniello, che promettono sapendo di non poter mantenere le loro promesse.

Rendiamo il nostro paese un paese moderno, cancelliamo il medioevo delle istituzioni.

496

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here