Dal 19 al 26 marzo, al “Centre culturel Saint-Louis de France” di Roma, avrà luogo la seconda edizione del FRANCOFILM, Festival del Film Francofono di Roma, organizzato in collaborazione con l’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede e le rappresentanze diplomatiche dei 75 paesi membri dell’Organizzazione Internazionale della Francofonia. La kermesse presenterà 12 lungometraggi, di cui 7 in concorso e 5 fuori concorso, provenienti da Haiti, Algeria, Belgio, Canada-Québec, Marocco, Romania, Francia, Lussemburgo, Repubblica Ceca e Svizzera. Le pellicole in concorso si contenderanno il Premio del Pubblico, che potrà esprimere il proprio voto al termine di ogni proiezione, e il Premio e la Menzione Speciale della Giuria, composta da professionisti di cinema quali il regista ceco Petr Václav, l’attrice francese Aylin Prandi e Romano Milani, Segretario Generale del Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani.

La settimana festivaliera verrà inaugurata dal concerto del cantante griot Badara Seck (disco d’oro e di platino con Massimo Ranieri per l’album “Oggi o dimane”), seguito dalla proiezione del film candidato agli Oscar “La donna che canta” di Denis Villeneuve, storia di due gemelli, Jeanne e Simon, che, dalla lettura del testamento della loro madre morta, scoprono di avere un padre e un fratello a Beirut di cui ignoravano l’esistenza.

Domenica 20 ci sarà inoltre la presentazione in anteprima della pellicola “Oceans” del celebre regista e attore francese Jacques Perrin, che incontrerà il pubblico subito dopo la proiezione. Il festival sarà poi caratterizzato fino al giorno di chiusura da numerosi altri eventi culturali, proiezioni, concerti e incontri speciali come la serata del 25 marzo, durante la quale avrà luogo il concerto-lettura del poeta, e già ministro del Marocco, Driss Alaoui Mdaghri con l’Ensemble Damana, e la serata di premiazione, arricchita dal contributo canoro di Isabelle Seleskovitch. FRANCOFILM 2011 si presenta così come occasione imperdibile per cinefili e non, che vogliono avvicinarsi all’eclettismo e alla ricchezza della cinematografia francofona, a contatto con popoli e culture provenienti da ogni angolo della terra.

Tutte le proiezioni e gli eventi organizzati durante la settimana festivaliera siterranno al “Centre culturel Saint-Louis de France” a Roma in Largo Toniolo 22 con iingresso libero fino a esaurimento posti.

CONDIVIDI